19 novembre 2018

Manifestazione antifascista, Spazi Liberati: "No a strumentalizzazioni"

image_pdfimage_print

Spazi Liberati ha partecipato sabato 9 marzo alla manifestazione che si è svolta nel centro di Firenze, organizzata da Firenze Antifascista, e che ha visto l’adesione di tanti soggetti fra cui le sezioni cittadine dell’ANPI e l’ANPI provinciale, il cui responsabile Silvano Sarti ha tenuto l’intervento conclusivo lungo il percorso del corteo.

Come partecipanti alla manifestazione, siamo rimasti francamente sconcertati davanti alle distorsioni giornalistiche che hanno accompagnato i commenti del giorno dopo sulla stampa fiorentina, che hanno deliberatamente scelto di non descrivere una manifestazione partecipata, puntando tutto su una polemica iniziale sulla presenza di alcune bandiere di partito.

Spiace registrare ancora una volta come l’informazione cittadina, per altro su sentito dire in quanto in piazza chi ha scritto gli articoli non c’era,  si presti a campagne di disinformazione e di delegittimazione di soggetti non omologati e forse per ciò stesso scomodi per chi pretende di controllare tutto in città.

Per quanto ci riguarda, noi abbiamo aderito convintamente alla manifestazione, eravamo in piazza e lungo le strade del corteo, e la distanza fra quanto abbiamo visto e vissuto e il racconto che ne è stato fatto è francamente imbarazzante per chi avrebbe il compito di riportare la realtà.

Spazi Liberati è:
Abitanti a piede libero (PT), Associazione culturale Dietro le quinte (Po), Associazione Pantagruel (FI), Comitato No Tunnel Tav (FI), Comitato contro la terza corsia Firenze-Mare, Comitato contro la privatizzazione di Ataf (FI), Comitato San Salvi chi può (FI), Comunità delle Piagge (FI), Coordinamento comitati Ato Toscana centro, Fondo etico e sociale delle Piagge (FI), Forum toscano dei movimenti dell’acqua, Fuori binario (FI), l’Altracittà – giornale della periferia (FI), Lo Sbertoliano (PT), Mag Firenze (FI), Medicina democratica (FI), PerUnaltracittà – lista di cittadinanza (FI), Rivolta il Debito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *