"L'integrazione dei rom passa dai bambini". La risposta di Rossi all'appello delle associazioni

image_pdfimage_print

Ai firmatari dell’appello

Cari cittadini e associazioni,
ho letto la vostra lettera aperta che mi chiede di “fermare la persecuzione contro i Rom” e attivarmi per  mettere in pratica quanto previsto dalla nostra legge sull’immigrazione, garantendo ai Rom il diritto alla salute e ad un alloggio sano.
Voglio rassicuravi: non è mia intenzione tornare indietro nemmeno di un centimetro rispetto a quanto previsto dalla nostra legge, che anche voi riconoscete come importante per migliorare le condizioni di vita degli stranieri regolari presenti in Toscana, ed assicurare il rispetto dei diritti umani a tutti gli stranieri, indipendentemente dalla loro regolarità.
L’ho già detto: la nostra legge dice quello che dice la Costituzione, e cioè che dobbiamo fare di tutto per rimuovere gli ostacoli che impediscono di vivere a pieno i propri diritti. Nella nostra Regione nessuno morirà di fame o di freddo, e a nessuno verrà negato l’accesso alle cure di emergenza.
Semmai c’è bisogno di un maggior impegno nel contrastare le attività criminali, mediante un controllo del territorio continuativo e coordinato, che eviti interventi-spot, inutili e dannosi,  ed azioni concrete per aggredire le cause dell’illegalità.
Su questo ci siamo impegnati e prenderemo molto sul serio il nostro compito.
Quanto al caso dei Rom, credo che una maggiore integrazione di questo popolo, necessaria per superare la diffidenza che alcuni provano nei loro confronti, debba passare innanzitutto dai bambini, e quindi da una scuola pubblica di qualità in grado di svolgere un ruolo di mediazione culturale e convivenza.
Grazie per il vostro prezioso lavoro al servizio dei soggetti meno tutelati della nostra società. Vi ringrazio per avermi scritto.
Enrico Rossi

0 Comments

  1. laura

    Io avrei bisogno che mi chiarisse cosa intende per attività criminali,.

    intende attività “illegali”?

    Sicuramente saprà che la legge europea e il pacchetto sicurezza Italiano come molte altre leggi dei paesi europei e non, intendono molte cose illegali, cose che sono totalmente fuori da ogni comprensione umana.

    Inoltre purtroppo molti politici e personaggi famosi, fanno costantemente azioni illegali, e nessuno può fargli niente….addirittura fanno i grossi dicendo che saranno loro a decidere quando andarsene!….mentre altri solo per il fatto di non sapere come campare vendendo qualche oggetto non proprio di marca, o pulendoi vetri ai semafori, o chiedendo l’elemosina sono addirittura passibili di multa…addirittura ai barboni si fa la multa per “occupazione del suolo pubblico”…. e tutto questo serve per far pari in bilancio… questo bilancio fantasma, questa per lei è legalità?

    Per varie leggi del regolamento della polizia municipale di Firenze per esempio, per quelle leggi molte azioni possono diventare illegali, o criminali…

    Guardando poi questa legge sull’idoneità abitativa, mi spiega come fanno molte persone che non possono pagare un affitto per una casa di tot mq come richiede la legge, come fanno ad avere la residenza? e si sa che senza residenza non si può neanche farsi una radiografia, neanche votare o essere assistito.

    Purtroppo tante cose non sono molto chiare, prima per esempio in linguaggio comune quando si diceva i diritti dei cittadini si intendeva i diritti di chi vive in città, ed ora solo dei cittadini italiani, che per essere tali devono sicuramente avere dei requisiti che fra non molto anche una buona percentuale dei “nostri” italiani doc non riusciranno più ad avere, è facile oggi cadere nel cono d’ombra e diventare fantasmi….

    questa legalità di cui si parla e che si pretende è dignitosa?
    queste leggi sono legali?
    soprattutto si sta pensando come togliere risorse agli investimenti speculativi, al finanziamento per l’acquisto delle armi per la “sicurezza”, alla speculazione privata sui beni comuni… insomma si sta pensando di investire nel sociale seriamente, perché la gente è importante? perchè il futuro esisterà non per pochi a scapito di molti, ma per tutti? O non si sta minimamente mettendo in discussione il fatto…

    La scuola poi, ma lo sa quanti insegnanti sono stati licenziati? e verranno licenziati?
    Ma lo sa ? se non lo sa per favore si informi perché la favoletta del “non ci sono più soldi non funziona più”.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *