Libero mercato… armato

image_pdfimage_print

Alla fine è successo. A 10 giorni dall’inizio dei bombardamenti in Iraq, il Senato italiano, con 134 voti a favore, 95 contrari e due astenuti, ha approvato il DDL 1547 che modifica la legge 185/90 sull’export di armi italiane, in adeguamento all’Accordo europeo di Farnborough. “Questo significa che non saranno più resi pubblici i destinatari finali dell’esportazione italiana di armi – spiega Giorgio Beretta, tra i coordinatori della campagna “Difendiamo la 185” – e sarà consentito intrattenere rapporti con Paesi che commettono violazioni dei diritti umani definite non gravi”.
Tonio dell’Olio, portavoce della Campagna, si dice comunque ottimista: “anche se è scandaloso che la modifica alla legge sia stata approvata, la pressione che abbiamo esercitato è stata molto forte. Abbiamo raccolto più di 100.000 firme che il 10 ottobre scorso abbiamo presentato al presidente del Senato Pera. Abbiamo attivato moltissimi contatti, inviato cartoline e mail al di là delle previsioni. Come con la questione della guerra, c’è uno scollamento molto forte tra la gente, i movimenti di base che non ricevono degna attenzione e il parlamento. Con la campagna siamo comunque riusciti a salvare alcune parti della legge, come l’art. 11 sulla trasparenza delle transazioni bancarie”.
Tino Bedin, senatore dell’Ulivo, propone un nuovo fronte di “resistenza” in difesa della legge 185 per controllare se il governo rispetta gli indirizzi dati dal Parlamento. “Metteremo insieme tutti gli ordini del giorno approvati sia al Senato che alla Camera; ordineremo gli impegni che il governo ha accettato articolo per articolo della nuova legge sul commercio delle armi e ne faremo un ‘codice di condotta’ vincolante per il governo. Chiediamo ai membri della Campagna in difesa della 185 di aiutarci sia nello scrivere questa ‘legge parallela’ sia nel verificarne l’applicazione.”

“La campagna non finisce qui – continua Tonio dell’Olio – ma si sta trasformando in un coordinamento permanente sul disarmo, referente per l’Italia della campagna europea sul Codice di Condotta Europeo per la regolamentazione dei trasferimenti d’armi”
Altre info: www.banchearmate.it/Dati/Relazioni/2002/frame_Italia.htm
http://www.banchearmate.it/Legislazione/Europa/Europa.htm

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *