Le colline non si bucano – Il No dei Cantieri Solidali

image_pdfimage_print

Cantieri Solidali, l’esperienza politica nata nel 2004 alle Piagge, chiede al Comune di Firenze di togliere dai sui programmi il cosiddetto ‘tubone’, ovvero il progetto di galleria autostradale tra Castello e Settignano. L’opera, che costerebbe oltre 350 milioni di euro e graverebbe oltre misura sulle casse pubbliche, è stata recentemente depennata dal piano delle opere pubbliche della Provincia. Inutile dire che la sua realizzazione trasformerebbe le colline fiorentine in una sorta di ‘Genova toscana’, con autostrade e gallerie in uno dei posti più belli della regione dal punto di vista paesaggistico. Gli stessi soldi potrebbero essere investiti, con maggiore soddisfazione dei cittadini, in servizi pubblici di prima necessità, soprattutto in ambito sociale.
Cantieri Solidali vuole che l’opera sia definitivamente cancellata dai programmi comunali con lo stralcio del Tubone dal piano strutturale del Comune di Firenze. A sostenere questa richiesta ci sono anche Legambiente, Italia Nostra, WWF, Coordinamento dei Comitati Cittadini, Unaltracittà/Unaltromondo e Rifondazione Comunista.
“Se la Provincia non considera più il tubone come una priorità – hanno dichiarato tutti insieme – perchè il Comune dovrebbe ancora valutare la circonvallazione nord come un progetto strategico e come punto fermo del Piano strutturale? I fiorentini si sono già espressi contro all’interno del percorso partecipato sul piano strutturale. Perché allora insistere?”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *