Le relazioni che contano: anche le Piagge in un libro di Altreconomia

image_pdfimage_print

di Maria Chiara Manetti per l’Altracittà

Quello che state per intraprendere è un viaggio nel futuro”, scrive Pietro Raitano nell’introduzione al libro “Il capitale delle relazioni” edito da Altreconomia e dedicato alle buone pratiche sperimentate in varie parti d’Italia da gruppi, comunità che cercano di sostituire all’attuale sistema economico modalità alternative e solidali. Le esperienze, raccontate in prima persona da chi quotidianamente le vive, spiegano come sia possibile costruire un’economia diversa, attenta al ben-vivere di tutti, che sostituisca all’utilità individuale quella collettiva, e al mercato le reti di relazioni.
Piccoli produttori locali che praticano un’agricoltura partecipata e condivisa, realtà che propongono modi alternativi di distribuzione dei prodotti, favorendo le filiere corte e la chiusura dei cicli produttore-consumatore, esperienze di ecoturismo che scommettono sulla possibilità di creare comunità che vivono delle risorse locali, accogliendo i turisti nelle proprie case come amici, famiglie che usano energia pulita e associazioni che col proprio lavoro contrastano le mafie.
Tra le 50 storie raccontate c’è anche quella della comunità delle Piagge, presentata come “un mosaico di attività innovative in campo sociale, economico, politico”.
Un libro che fa venire voglia di intraprenderlo davvero, un viaggio nel futuro.
“Il capitale delle relazioni”, a cura del Tavolo per le Rete italiana di economia solidale, edizioni Altreconomia, euro 14, è in vendita nella bottega Equazione, in via Lombardia 1 alle Piagge.

0 Comments

  1. massimo parrini

    Un libro che fa nascere una domanda, la cui risposta forse potrebbe anche far capire uno dei meccanismi che porta al fatto che certe idee sono ancora minoritarie: se le relazioni sono così importanti, se questo libro è un “viaggio nel futuro”, perchè la Comunità delle Piagge, dopo essere stata inizialmente coinvolta nel percorso dello Sportello EcoEquo (anche quello rappresentato nel libro), poi ne sono usciti?

    Per la chiarezza: non voglio assolutamente fare polemica, è solo per cercare di capire! E per fare capire!

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *