La cacca e il mendicante

image_pdfimage_print

C’è una cacca di cane davanti a casa vostra? Viaggiando in motorino avete preso una buca che vi ha rintronato? Dal 7 gennaio potete richiedere il pronto intervento dell’Ufficio alle Piccole cose, affidato all’assessore Graziano Cioni, che spedirà sul posto in men che non si dica una task force (!) in grado di risolvere il problema. Nel caso delle cacche, pardon, deiezioni (canine, si legge: ignoriamo se vengano svolte indagini specifiche per stabilirne l’esatta natura), è stato acquisito un apposito motociclo dotato di aspiratore, che risucchia lo sgradito oggetto e lava il punto dove questo era depositato. Sull’Aspiracacche – questo il nome con cui impareremo a conoscerlo – l’assessore ha fatto installare un contatore: in una conferenza stampa abbiamo appreso che al 23 gennaio erano stati aspirati già 799 escrementi. Purtroppo, sul sito del comune non è ancora possibile conoscere in tempo reale l’aggiornamento di questo dato, ma siamo fiduciosi.
Per il problema buche, invece, interviene il servizio rattoppo: quattro camion che possono coprire fino a 30 buche al giorno, con una breve interruzione del traffico. Bastava pensarci, in effetti. Questa è una buona cosa. Ma perché nelle strade di Firenze ci sono tante buche? E anche gobbe, dossi, scalini? Non sarà mica conseguenza di un totale scoordinamento dei cantieri, per cui una settimana si fa la buca per l’acqua, poi quella per le fibre ottiche, poi quella del gas, e vai con le toppe? Boh. Intanto copriamole, poi ci penseremo.
L’Ufficio Piccole cose si occupa anche di altro, “dei piccoli fastidi di tutti i giorni”, come scritte sui muri, segnaletica mancante, rifiuti ingombranti, relitti abbandonati, mendicanti, zingari, lavavetri… Roba che dà noia, insomma. Altri dati?
Cancellate 143 scritte. Installati 180 segnali. Rimossi 463 relitti. Allontanati 6 camper. Allontanati 13 girovaghi. Allontanati 6 mendicanti. Allontanati 6 lavavetri.
Allontanati dove? Possibilmente fuori dalla competenza territoriale. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Per far contenti i cittadini stufi di tanto degrado, per portar via alla destra il suo cavallo di battaglia? A Firenze Alleanza Nazionale aveva lanciato una campagna di grande rilievo politico, “Adotta una buca”, e Forza Italia da sempre sbandiera il degrado come primo problema della città.
Fa un po’ male vedere la giunta gareggiare con la destra su questa politica piccola piccola.
Fa un po’ effetto vedere l’assessore in visita alla famiglia che vive in auto, ci ricorda Berlusconi con gli albanesi.
Fa un po’ schifo, come sempre, la campagna elettorale, di qua e di là. Un calderone unico per le buche e la disperazione, le cacche e la solitudine, i fastidi e le tragedie, i diritti e la demagogia.
Di qui a primavera, ci cascheremo anche noi?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *