La vecchia passerella della Fortezza ora è alle Piagge. In una discarica abusiva

image_pdfimage_print

Come segnalato numerose volte dai cittadini, alle Piagge ogni spazio libero diventa automaticamente una discarica abusiva. Dalle lavatrici ai copertoni, dai frigoriferi ai mobili, fino alla normale spazzatura: non ci si meraviglia più di tanto di questo desolante panorama, e soltanto pochi ostinati abitanti ancora cercano di richiamare l’attenzione delle autorità su un simile schifo. Ma quanto mostrato oggi dalle telecamere del TG regionale della Toscana, in sopralluogo nel quartiere dopo la segnalazione del piaggese Massimo Parrini, esponente del WWF, ha davvero dell’incredibile. Un enorme relitto campeggia in un terrreno prossimo all’ex inceneritore, un relitto dall’aspetto familiare per molti fiorentini, che ci sono passati per anni, di sopra o di sotto. Si tratta infatti della vecchia passerella che consentiva di attraversare il viale dalla Fortezza da Basso verso la Stazione, quella dell’architetto Aulenti, che fu smontata nel luglio 2002 in occasione dei lavori di risistemazione della zona.

Che ci fa lì abbandonata, è stato chiesto dal giornalista del TGR a Massimo Mattei, Assessore al Decoro del Comune di Firenze? Non ci deve stare, ha risposto Mattei, abbiamo già incaricato ditte specializzate perché la rimuovano.

Ditte specializzate che saranno pagate dal Comune, ovvero da noi. Ma che fine hanno fatto le ditte altrettanto specializzate che, presumiamo, a suo tempo, cioé 9 anni fa, furono incaricate dello smaltimento di questo rifiuto davvero insolito e ingombrante? Non sarebbe il caso di andarle a ricercare e capire chi sono, ed accollare a loro la responsabilità e l’onere della rimozione?

0 Comments

  1. massimo parrini

    Boh, io segnalo la presenza di una discarica con rifiuti pericolosi quali batterie e pneumatici ed il giornalista rimane fleshato solo dalla passerella?

    Capisco che questa scomoda presenza sia un bel colpo per trovare un modo per attaccare il Comune. Però io avevo chiamato il giornalista per segnalare la presenza di una discarica. Che nessuno toglierà, temo…

    Vabbuò, è un inizio, ed ormai da tempo ho capito che qui interessa solo lo scontro politico, non la risoluzione dei problemi. E che di fare della Palude delle Piagge un ambiente vivo utile per il quartiere interessa solo a me…

    Reply
  2. Rosa L.

    devi compatire i poveri giornalisti che cercano un po’ di colore… la polemica politica mi pare inevitabile se il Comune è il primo a buttare in discarica i propri rifiuti!
    certo sono più brutte e pericolose le batterie, anzi, se Mattei davvero tenesse al DECORO, farebbe levare quelle e dipingere di rosa la passerella, così da farne un monumento suburbano che darebbe carattere al quartiere!

    Reply
  3. giovanni

    Immagino che un giornale possa avere la sua autonomia di scelta su come tratttare le cose… finché berlsusca vorrà, almeno. L’importante è avere un’informazione attenta e libera come la vostra. Buon lavoro
    Giovanni

    Reply
  4. Stefano

    Vabbuò… 😉
    Comunque Massimo questi sono meccanismi piu’ grandi di noi… difficile poterli governare, l’importante è che ci sia ancora chi si prende la briga di denunciare le cose che non vanno. Grazie per quello che hai fatto. E fortunatamente non sei solo!

    Reply
  5. massimo parrini

    Caro Stefano,
    in realtà sulla situazione della Palude delle Piagge è da tempo che sono stato lasciato solo, sul serio.
    Anche da L’Altracittà e dalla Comunità delle Piagge per es.

    Sono meccanismi più grandi di noi, certo, se poi si assecondano anche…

    Comunque va bene, fra un mese quando ancora sarà tutto là, passerella compresa, chiamerò il Gabibbo…

    Tanto se questo è il meccanismo almeno sfruttiamolo…

    Max

    Reply
  6. massimo parrini

    Aggiornamento della situazione.

    Il Mattei ha mantenuto la promessa: ha fatto portare via i ruderi della vecchia passerella (e così dei gatti ora dovranno mangiare all’aperto…) ed ha ripulito quell’area.

    Ma la Palude delle Piagge è ancora una discarica, coi suoi pneumatici, le sue batterie…

    Ciao!
    Max

    Reply
  7. massimo parrini

    Come non detto.
    Mi ero fidato di mio padre che m’aveva detto che avevano ripulito tutto, invece…

    Tutto è, più o meno, come prima…

    Max

    Reply
  8. massimo parrini

    Nuovo aggiornamento: la passerella è stata smontata ed ora i gatti mangiano all’aperto ed i rottami attendono di essere portati via. Gli altri rifiuti sono tutti lì come prima; e probabilmente ci resteranno anche dopo che i resti della passerella saranno trasportati in altro loco.

    Ed anche la discarica della Palude delle Piagge è sempre là, più piena di quando ci portai il giornalista: grazie al digitale incipiente, ci sono stati scaricati dei tv, uno è stato già aperto per rubare il rubabile (cavi e fili di rame?).

    Il presidente del quartiere il 15 vorrebbe organizzare qualcosa alle Piagge in occasione della giornata ecologica (il seguito del “Ramazza Day”). Sarebbe il caso di fare un bel sit in ed interrompere il traffico in via di S. Donnino per chiedere non tanto che si avveri il MIO (visto che a quanto pare a nessun altro importa) di trasformare la vecchia cava in un parco-oasi, ma almeno di portare via i rifiuti e fare in modo che cessino gli scarichi abusivi.

    Ma adesso qui alle Piagge si pensa ad altro…

    Che ce frega dell’inquinamento che quei rifiuti provocano, ci sono cose più importanti…

    Max

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *