Iraq – Lettera aperta ai deputati italiani

image_pdfimage_print

Cari amici, ad Amman, in Iran per l’intervento di soccorso alle popolazioni colpite, le possono osservare in diretta. In questi pochi giorni abbiamo già assistito, e non in televisione, a corpi martoriati, famiglie in fuga, bambini senz’acqua.

Ieri il coordinatore iracheno di una delle ONG aderenti al ‘Tavolo di solidarietà con le popolazioni dell’Iraq’ è rimasto ferito, insieme a molti altri, all’interno degli uffici della Mezza Luna Rossa. Anche la vita degli operatori umanitari è a rischio.

È con questi fatti nella mente che vi scriviamo: fermate questo massacro. Fermate questa guerra illegale. Impedite che su una popolazione già provata da 12 anni di embargo e 35 di dittatura si abbattano altre sciagure. L’Italia è un paese che conta: unisca la sua voce a quella di decine di paesi che chiedono che l’attacco si fermi.

E nel frattempo si pretenda che siano almeno rispettate le Convenzioni di Ginevra sulla protezione dei civili. Si chieda la restituzione dell’energia elettrica e dell’acqua alle città! Si chieda che gli armamenti proibiti, come le bombe a grappolo, siano bandite! Si pretenda la istituzione di corridoi umanitari e che sia consentito alle agenzie dell’Onu, alle Ong, alla Croce Rossa, di operare in sicurezza. Si chiarisca che l’intervento umanitario non compete allo stesso esercito che bombarda o ai paesi che lo appoggiano.

Nei mesi scorsi ci siamo mobilitati insieme alla grande parte della società civile italiana per impedire che la guerra scoppiasse. Oggi il nostro compito è sul campo per cercare di soccorrere le popolazioni. Il vostro è quello di fermare la guerra.

Cordiali saluti

Fabio Alberti – Presidente del Tavolo di solidarietà con le popolazioni dell’Iraq

Roma 3 marzo 2003

—————————————————–
PER SOSTENERE LE AZIONI DEL TAVOLO DI SOLIDARIETA’ CON LE POPOLAZIONI DELL’IRAQ:
CC POSTALE 507020
CC BANCARIO 108080 (BANCA ETICA ABI 05018 CAB 03200)
INTESTATI ‘SOLIDARIETA’ IRAQ’
www.tavoloiraq.org

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *