23 settembre 2018

In moto verso la rivoluzione

image_pdfimage_print

Finalmente, dopo tanta attesa, è uscito. “I diari della motocicletta” ripaga tutti coloro che aspettavano un film degno di questo nome che parlasse di Ernesto Guevara, magari nel periodo in cui non era ancora il Ché ma el Fuser, soprannome datogli proprio dal suo più grande amico e compagno di viaggio Alberto Granato che con lui percorse la tanto amata America Latina in un viaggio alla scoperta di se stesso.
Il film inizia proprio con i preparativi della partenza: il luogo è la Buenos Aires del 1952, la “Poderosa seconda”, una moto Norton 500, come destriero, amici e parenti lasciati con un fazzoletto in mano e tanta preoccupazione per la sorte dei due ragazzi. Un viaggio che comincia come un’avventura ma che ben presto si trasforma nella scoperta di una realtà sociale e politica che all’epoca la maggior parte dei latinoamericani ignorava.
Una prospettiva inedita per coloro che conoscono la storia del Ché in maniera superficiale e approssimativa, una conferma per chi è appassionato del personaggio ma, soprattutto, dell’uomo Ernesto Guevara de la Serna

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *