Il Terzolle spelacchiato

image_pdfimage_print

Nuovo scempio ambientale a Firenze: si tratta della “ripulitura dell’alveo” del torrente Terzolle effettuata nel tratto tra Careggi e Serpiolle. Andate a controllare coi vostri occhi: affacciandovi sul torrente da via delle Gore potrete vedere come in poche ore un corso d’acqua ricco di vita animale e vegetale è stato trasformato in un paesaggio “lunare” dove non è rimasto un solo filo d’erba.
È possibile che nel terzo millennio, nonostante i tanti disastri provocati in un passato più o meno recente da questa scellerata politica di gestione dei corsi d’acqua, si considerino fiumi e torrenti come contenitori che servono a spostare l’acqua da una zona ad un’altra il più velocemente possibile, vedendo così in ogni foglia o rametto un ostacolo da abbattere ad ogni costo?
Possibile che ancora non si capisca come proprio la presenza della vegetazione negli alvei dei corsi d’acqua, se gestita in modo razionale, sia una delle condizioni per ridurre i rischi idrogeologici e per migliorare la qualità delle acque di fiumi e torrenti, facendoli tornare ad essere importanti risorse e non pericolosi nemici?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *