Il Cpa torna ad occupare

image_pdfimage_print

Lo avevano preannunciato, l’esperienza del Centro Popolare Autogestito non si sarebbe fermata con uno sgombero. E infatti sabato 22 dicembre è stata occupata una scuola in via Villamagna 27/a, la don Facibeni, destinata dal Comune di Firenze a diventare sede di Publiacqua, società per azioni a cui è passata la gestione dell’acquedotto fiorentino (vedi articolo accanto). Lo sgombero della vecchia sede di viale Giannotti era avvenuto in maniera pacifica la mattina di mercoledì 28 novembre quando la polizia è entrata dentro un centro sociale deserto. A seguire vi era stato uno scambio nervoso di battute in diretta sulle frequenze di Controradio tra il sindaco Domenici e alcuni degli occupanti, dopo di che un episodio di contestazione la sera stessa nei confronti del Sindaco, intervenuto ad una cena in favore di Emergency.
Agli occupanti il Comune aveva offerto un luogo alternativo in cui trasferirsi, una ex falegnameria costituita da un capannone senza infrastrutture, che risultava inadeguato sia per problemi di spazio esiguo, ma soprattutto perché si affacciava sull’ingresso di case abitate da famiglie. L’offerta era pertanto stata rifiutata. Proprio l’occupazione di uno spazio pubblico dismesso da ormai due anni e offerto a una società per azioni, per ora a capitale pubblico ma che presumibilmente diverrà a conduzione privata, ha secondo gli occupanti un valore di recupero al sociale, contro logiche di mercato e profitto.
La scelta del luogo è stata inoltre dettata dal desiderio di mantenere un legame sul territorio, sul quartiere Gavinana, rapporto che negli anni si è andato consolidando. All’assemblea del 27 hanno partecipato alcuni abitanti della zona, purtroppo pochi, che hanno espresso alcune preoccupazioni per questo nuovo insediamento, ma numerosissime sono state le attestazioni di soddisfazione per la ripresa di una esperienza che solo in apparenza sembrava interrotta.
Il CPA Firenze Sud è riuscito in questi anni a porsi all’attenzione della città in maniera più che positiva, tanto che la manifestazione contro la sua chiusura aveva avuto una partecipazione enorme di persone di tutte le fasce di età. Significativa la prima iniziativa della nuova sede, a riprova dell’impegno sociale, la proiezione pomeridiana del film per bambini “Kirikù e la strega Karabà”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *