19 dicembre 2018

Guardia di Finanza a Corte dei Conti: Tav Mugello danni erariali per 700 milioni

image_pdfimage_print

di Maurizio Bologni

La guardia di finanza ha segnalato alla Corte dei conti danni erariali per oltre 700 milioni di euro provocati dai lavori dell´alta velocità in Mugello, danni che sono principalmente determinati dal prosciugamento di decine di sorgenti e corsi d´acqua. Si tratta degli stessi fatti per i quali i vertici di Cavet sono già stati processati e prosciolti per mancanza di dolo, ma questa assoluzione non esclude che la Corte dei conti possa rimettere il conto ai pubblici dipendenti che fossero ritenuti responsabili di autorizzazioni e provvedimenti all´origine del danno. Di qui l´accertamento e il rapporto della Finanza, di cui si è avuta notizia ieri a margine della festa del Corpo durante la quale è stato fatto un bilancio dei 5 cinque mesi di attività delle fiamme gialle in Toscana.

[Fonte Repubblica]

0 Comments

  1. roberto

    A proposito di Corte dei Conti, oggi al gazzettino toscano hanno fatto vedere un’altra corte alla quale si rivolgeva l’omonimo assessore regionale ai trasporti
    Costui , che si dichiara solido ragazzo comunista, si rivolgeva agli spettatori presenti chiedendo interventi urgenti per affrontare i problemi di trasporto di cui innegabilmente soffre la Regione Toscana; chiedeva fra le altre cose il potenziamento delle infrastrutture esistenti e la realizzazione finalmente di quelle in progetto, tipo la due mari. Tutte richieste di cui sentiamo parlare da anni, e che di volta in volta vengono ritirate fuori.
    In platea ho intravisto La Mercegaglia ed Altero Matteoli, che senza ombra di dubbio sono degli esperti in materia di Conti.
    Intanto, per realizzare e potenziare le infrastrutture di cui parlava il solido di cui sopra, si tolgono quattrini ad aziende come le vecchie ferrovie statali, pachiderma decrepito, che possedeva le professionalità per controllare lo stato dei carrelli dei vagoni prima che spargessero morte con la loro messa in rete senza verifiche preventive del loro stato di salute; quella operazione veniva effettuataper esempio percuotendo le ruote dei carrelli con un martello da ferrovieri specificamente addestrati, (squadra di rialzo) che ora credo siano o tutti morti o in pensione.
    Il pachiderma si è lasciato colpevolmente morire proprio da parte di quei tromboni che oggi vanno chiedendo potenziamento ed efficienza , cose che non si possono più ottenere senza spargimento di lacrime e di sangue!

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *