GAS neonato all’Isolotto

image_pdfimage_print

Abiti nel Quartiere 4 e dintorni? La pratica del consumo critico ti procura un senso d’impotenza e di resa? Da mercoledì 28 Gennaio il tuo problema sarà risolto: nasce il GAS dell’Isolotto, di cui l’Associazione ConsumAttori sarà madrina e il Quartiere 4 padrino. Appuntamento dunque alle ore 21.00 nella Sala del Consiglio di Villa Vogel.
Ma cos’è un GAS? Un Gruppo di Acquisto Solidale, che accorcia la catena distributiva mettendo in contatto consumatori e produttori. Il GAS è il contrario della spesa a domicilio, e trasforma l’affannato lancio nel carrello in un momento sociale, divertente, di consapevolezza e di approfondimento. Le aziende spendono miliardi per studiare i consumatori, e noi studiamo a nostra volta le aziende, opponendoci ai prodotti-fantasma, le cui proprietà nutritive e processi produttivi ci sono pericolosamente ignoti. Il GAS non significa soltanto cambiare prodotti, ma cambiare l’approccio all’acquisto: approfondire le nostre conoscenze, e premiare chi offre trasparenza e garanzie in termini di qualità e sostenibilità.
Ecco alcuni criteri: preferenza per le piccole realtà locali, i prodotti freschi e di stagione, artigianali e non trattati. Importazioni sì, ma solo attraverso il commercio equo e solidale. In generale si cerca di premiare le autogestioni e le cooperative sociali autentiche.
Per formare un GAS, bisogna definire dei criteri di selezione dei fornitori, e delle famiglie di prodotti da inserire nel listino. Durante gli incontri periodici, ciascuno propone prodotti scelti in base ai criteri, e si fanno assaggi, degustazioni e prove d’uso, invitando anche i produttori a intervenire. Infine, il momento organizzativamente più impegnativo, è quello dell’arrivo degli ordini e la loro suddivisione.
è molto formativo organizzare visite periodiche ad aziende agricole o artigianali, per osservare i sistemi di coltivazione e di trasformazione, e verificare la realtà e i problemi dei produttori. Il GAS, spostando i nostri consumi verso scelte etiche, è una buona pratica alternativa a disposizione di tutti; è il mondo migliore, quello che non aspetta il domani ma si costruisce nel quotidiano, giorno dopo giorno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *