15 dicembre 2018

G8: in piazza contro la "crisi globale"

image_pdfimage_print

Sono in programma in questi giorni le iniziative di protesta nei confronti del G8 de L’Aquila. La mobilitazione contro i “grandi” della Terra denuncia i veri responsabili della crisi e della barbarizzazione del territorio e della società. Da Vicenza a Chiaiano passando per tutti i presidi di partecipazione e democrazia d’Italia, è unanime la condanna sulla scelta dello spostamento del vertice nel capoluogo abruzzese.

Gli sfollati del terremoto vivono ancora oggi in condizioni disastrose, mentre la tragedia si trasforma in un’occasione per la speculazione edilizia favorita dal governo. E con il G8 arriva anche l’avvilente militarizzazione del territorio abruzzese, dopo che già sono state proibite libere assemblee nelle tendopoli. Si azzera così sul nascere ogni tentativo di partecipazione da parte dei cittadini.

Una delegazione fiorentina di attivisti di Per Unaltracittà parteciperà alle iniziative in corso:

Domani – martedì 7 luglio – a Roma, “Giornata dell’Accoglienza ai Potenti della Terra”, organizzata in occasione della presenza nella capitale delle delegazioni internazionali: iniziative diffuse e “piazze sociali anti-crisi”. Nella stessa giornata un forum sulla ricostruzione sociale si svolgerà a l’Aquila, affrontando i temi peculiari del territorio aquilano in rapporto alla crisi globale.
Mercoledì 8 luglio iniziative dislocate in tutte le città. Una “Mappa della crisi” attraverso la quale I territori, le comunità e le organizzazioni sociali manifesteranno il proprio dissenso.
E’ prevista per venerdì 10 luglio una marcia pacifica e di massa nei territori del terremoto per esprimere solidarietà alle popolazioni aquilane, la necessità di una ricostruzione sociale, ma anche il dissenso generalizzato contro la gestione non partecipata dell’emergenza.

Tutto mentre i fatti di cronaca avvenuti a Torino in questi giorni al G8 dell’Università mettono in rilievo un clima repressivo che persiste nei confronti di iniziative di dissenso. Episodi simili si sono verificati nelle ultime ore anche a Bologna, Milano e Padova.

[Fonte Per Unaltracittà]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *