Firenze-Pechino: gli affari sono affari

image_pdfimage_print

‘Un augurio alla Cina ed a Pechino per l’organizzazione delle Olimpiadi che sarà una grande vetrina per il turismo, una grande opportunità per le imprese del territorio. Un invito anche a visitare non solo i musei fiorentini ma anche la nostra tradizione eno-gastronomica, la quotidianità, così da favorire gli scambi culturali ed economici’. A rivolgerlo ieri, una folta rappresentanza delle attività economiche fiorentine, che insieme all’assessore alle attività produttive e al turismo del Comune di Firenze Silvano Gori, ha incontrato una delegazione cinese guidata da Jia Shi Cheng, direttore del centro relazioni internazionali del dipartimento affari esteri della municipalità di Pechino. Un incontro di ‘dubbio gusto’, mentre in Tibet si sta compiendo un vero e proprio ‘genocidio culturale’. Lo stesso governo italiano ha recentemente invitato a porre fine all’embargo europeo sulla vendita di armi alla Cina, le stesse con cui poi il regime reprime nel sangue la volontà del popolo tibetano. Embargo già violato dall’Italia, che, come denunica la Campagna Sbilanciamoci!, continua a vendere armi a Pechino.

0 Comments

  1. Pingback: Tav, confermato il progetto devastante. De Zordo: «Hanno vinto gli affari bipatisan» | Notizie Firenze

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *