Ex-Meyer occupato, spazio Kulanka: cosa succederà? Presidio stamani davanti all'assessorato

image_pdfimage_print

Riceviamo e publichiamo

Questa mattina una cinquantina di occupanti dell’ex Meyer di Via Buonvicini e del “Kulanka”, i richiedenti asilo somali di Via Luca Giordano hanno inscenato un presidio davanti all’Assessorato alle Politiche sociali in Viale De Amicis. Gli occupanti hanno chiesto e ottenuto un incontro con i dirigenti dell’assessorato per chiarire un insieme di decisioni prese dal Comune di Firenze:

1)  La decisione di costruire nell’ex Ospedale Meyer una ventina di alloggi “temporanei” per ospitare famiglie a loro volta accupanti di case ERP e famiglie in assistenza alloggiattiva a carico del Comune di Firenze (ad esempio le famiglie di Viale Guidoni…), insomma famiglie occupanti (sempre del movimento…) contro altre famiglie occupanti. Un gioco strano e contraddittorio…
2)  La lentezza, pare “burocratica”, sui tempi della convenzione e assgnazione dei locali in Via Luca Giordano per l’ospitalità dei cinquanta richiedenti asilo somali. Infatti è passato quasi un’anno dalle tante garanzie date dal Comune sulla permanenza nella struttura dei richiedenti asilo, E siccome lo spazio in questione continua le sue numerose attività senza garanzie sul futuro, la protesta era d’obbligo…

Per quello che concerne l’ex Meyer l’Assessorato ha richiesto il dovuto tempo per istruire le trattative, e fare le eventuali proposte all’occupazione…
Al contrario, per i richiedenti asilo somali e lo spazio “Kulanka” presto dovrebbero (il condizionale è d’obbligo) essere stipulate le convenzioni.

In qualsiasi caso le proteste a tutela dei diritti e beni comuni andranno avanti lo stesso.

GLI OCCUPANTI DELL’EX MEYER – I RICHIEDENTI ASILO SOMALI E LO SPAZIO AUTOGESTITO “KULANKA”

con la solidarietà del Movimento di Lotta per la Casa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *