Elegante e vorace

image_pdfimage_print

Col termine libellula si indicano migliaia di specie d’insetti acquatici riuniti nell’ordine degli Odonati.

Sono insetti molto antichi, presenti sulla Terra da ben 250 milioni di anni!

Sono suddivisi in tre grandi sottordini, ma quelli che possiamo incontrare in Italia sono gli anisotteri (le libellule vere e proprie, col corpo ‘robusto’) e gli zigotteri (comunemente chiamate ‘damigelle’ essendo più esili e filiformi e quindi più aggraziate, sebbene il loro volo sia molto più incerto…).

Le libellule sono diffuse in tutto il mondo, in dimensioni da 2 a 13 cm, e hanno colorazioni varie e spesso sgargianti. Si tratta di animali che vivono in ambienti umidi ma, essendo spesso ottime volatrici (alcune specie possono raggiungere i 50 Km/h,) le possiamo vedere anche in luoghi lontani da specchi d’acqua o fiumi.
A dispetto dell’apparenza delicata, sono insetti molto aggressivi. Sia nella loro fase di vita strettamente acquatica, ovvero quando sono giovani larve e vivono nei fondali di stagni e corsi d’acqua (fase, che per le damigelle dura solo qualche mese mentre per le libellule può durare anche tre anni), durante la quale compiono frequenti agguati a tutti i piccoli animali che gli capitano a tiro per poi nutrirsene ‘succhiandoli’; sia dopo lo ‘sfarfallamento’ in primavera quando diventano adulte e, per un periodo di tre-sei mesi, passano il loro tempo a nutrirsi di altri insetti quali moscerini, mosche e zanzare. I maschi difendono anche in modo molto deciso il loro territorio per poi, come abbiamo visto, andare a cerca di femmine da ‘violentare’….
La voracità delle libellule per noi uomini è molto utile. Infatti, divorando migliaia di zanzare, ci aiutano a tenerne sotto controllo il numero. Motivo in più per garantire a questi insetti le possibilità di vivere e riprodursi tranquilli, tutelando le residue aree umide.
Ricordiamoci che l’acqua è un bene comune da non privatizzare perchè fonte di vita non solo per noi esseri umani, ma anche per tutti gli altri esseri viventi. D’altra parte, credete che una libellula possa pagare le bollette di Publiacqua?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *