Dal Tibet a Villore!

image_pdfimage_print

Sono state regalate dalla Roberta. Il becco si chiama Arturo, sua “moglie” Carolina in dolce attesa e la loro prima figlia Brigitta anche lei in stato interessante. Il giorno che le hanno portate sembrava di essere ad una sagra rionale, grandi e piccini si accalcavano ai vetri del furgone per vederle per primi. Comunque se non ci fossero stati due amici esperti probabilmente sarebbero rimaste chiuse lì dentro perché nessuno aveva il coraggio di avvicinarsi ad Arturo.
Nei giorni precedenti era stato costruito un recinto di circa 900 mq, abbastanza alto, almeno così credevamo. Durante la notte abbiamo sentito spesso il nostro cane Rocco abbaiare nei pressi della rete ma pensavamo che fosse per la curiosità dei nuovi arrivati; il vero motivo lo abbiamo scoperto la mattina dopo quando arrivati al recinto abbiamo visto che Arturo era riuscito a scappare, però non si era allontanato per non lasciare la famiglia dentro da sola.
Naturalmente dopo numerosi tentativi per farlo rientrare…, è scappata fuori anche Carolina che a detta di Simone è passata “come un fulmine”!!
Nel frattempo le due capre – saranno anche ignoranti come si dice, noi abbiamo scoperto che sono astutissime! – cercavano di far uscire Brigitta senza peraltro farsi riprendere.
Alla disperazione abbiamo così escogitato un piano: abbiamo deciso di legare Brigitta ad un albero dentro il recinto e lasciare il cancello aperto in modo che le altre alla fine rientrassero. Il piano ha avuto successo ma la capra che è stata legata da allora non silascia avvicinare.
La sorpresa più bella ce l’hanno riservata qualche giorno dopo. Il Lunedì dell’Angelo sono nati i capretti Pasqualino e Pasqualina. Siamo arrivati al recinto pochi secondi dopo il parto, Il maschio ancora non era in piedi, sembravano dei piccoli conigli bagnati. Eravamo tutti molto emozionati, sembravamo tutti parenti dei nascituri, in effetti è la prima nascita di animali che avviene a Villore.
Subito li abbiamo portati insieme alla madre nel pollaio che è più riparato e tranquillo e dopo quindici giorni li abbiamo riportati nel recinto, dove hanno iniziato a fare dei balzi incredibili, dopo giorni di spazio limitato.
Per l’estate stiamo aspettando il parto di Brigitta, e nel frattempo ci divertiamo a “giocare” con Arturo che oramai ha con noi preso confidenza e si lascia avvicinare come se fossa Rocco: ovviamente solo se abbiamo del cibo con noi!
Casale di Villore
tel. 055/8493013 – villore@altracitta.org

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *