Condannato Bargellini per fatti del '95. Un duro colpo al Movimento di lotta per la casa

image_pdfimage_print

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Giovedì 15 la Corte di Cassazione di Roma si è espressa definitivamente sul ricorso dei legali di Lorenzo Bargellini, per i fatti del 7 novembre 1995, quando 200 persone occuparono la sala dove si svolge il consiglio comunale. Il verdetto è questo: ricorso respinto e condanna a un anno e quattro mesi per Bargellini.

Esprimiamo la nostra più convinta solidarietà per Lorenzo e per tutto il Movimento. E’ doloroso e preoccupante il fatto che ci sia un accanimento così acceso nei confonti del Movimento,  realtà ancora oggi fra le più sensibili e attive in città per i problemi sociali. Il diritto alla casa e ad un’esistenza dignitosa è un diritto sacrosanto e il Movimento, con le sue occupazioni e le sue lotte, ha dato un tetto a migliaia di persone immigrate e italiane le quali, se avessero aspettato i tempi delle istituzioni, sarebbero ancora sulla strada.

Quei fantomatici politicanti che nel ’95 ( ma potremmo includere anche quelli di oggi ) videro 200 persone occupare il loro posto di lavoro e si scagliarono all’unisono contro il Movimento, fanno parte di una vera e propria casta piena di boria, incurante dei problemi delle persone, siano esse immigrati, cassaintegrati o disoccupati.

Ribadiamo l’importanza per la città di una realtà come il Movimento e di un militante come Lorenzo Bargellini, il quale ha dedicato la sua vita a combattere contro questa società ingiusta e classista e rilanciamo l’allarme per tutti, vista la deriva repressiva a cui stiamo assistendo, mirata per distruggere ogni forma di dissenso contro chi si oppone, che siano studenti, lavoratori o immigrati.

Unione Degli Studenti Firenze

0 Comments

  1. Adolf Hatross

    BENE!!!
    sarebbe anche l’ora che questo sfigato del *** andasse a lavorare!!!
    invece di rompere le *** a chi la casa se la compra!!!

    Reply
  2. Maurizio Sarcoli

    sarebbe bene che al di là della concezione di giustizia che si ha rispettassimo chi -come Lorenzo – ha reso al sua persona uno strumento della lotta per superare le ingiustizie della nostra società, tra le quali c’è il non riconoscimento del diritto alla casa.
    La casa a Firenze se la compra chi ha tanti soldi di famiglia o tramite un mutuo infinito. Non siate ipocritici: Bargellini ha messo il dito nella piaga e la ferita è sotto gli occhi di tutti. al posto di un monumento la società gli dà una condanna.
    Chi disubbidisce alle leggi per realizzare la giustizia sociale è punibile, ma non da punire. Maurizio Sarcoli

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *