18 settembre 2018

Chicco Testa con Renzi. In nome del business voleva spaccare la faccia a Mario Tozzi

image_pdfimage_print

Mario Tozzi (a sinistra) e Chicco Testa (a destra)

Holding partecipate, Ornella De Zordo, perUnaltracittà: “Ci mancava la consulenza di Chicco Testa!”

Non bastava l’idea del sindaco Renzi di realizzare la super holding delle società partecipate del Comune, per poi magari quotarla in borsa, con buona pace della dimensione pubblica della gestione dei servizi. Ci mancava solo che, per questa operazione, la società di consulenza più quotata a cui pensa di affidarsi sia la Rotschild Global Financing Advisory, di cui è managing director italiano niente meno che Chicco Testa.

Non sentivamo proprio il bisogno di tale  ‘personaggio’  nel decidere dell’assetto di servizi strategici per la città: proprio quel Chicco Testa, che voleva “spaccare la faccia” al geologo Mario Tozzi in diretta tv, reo di averlo contraddetto, il cui video ha girato per settimane su Facebook. Quel Chicco Testa che si è generosamente speso a favore del nucleare nella recente campagna referenderia. Chi non ricorda?

[youtube]bB2oJUAkC0Q[/youtube]

Insomma, a metter bocca sulle partecipate fiorentine forse avremo l’ex presidente di Legambiente diventato poi presidente del Consiglio d’Amministrazione di Acea, di Enel, e poi  managing director del gruppo Rothschild e infine ultras nuclearista! Sembra proprio che il sindaco Renzi voglia fare una scelta coraggiosa e “Fuori” dagli schemi, anche se a noi sembra più fuori da ogni logica. Chissà se saranno utili per sistemare le più importanti aziende pubbliche (?) fiorentine le capacità mangeriali del presidente del Forum Nucleare Italiano, dimostrate attirando il voto di circa il 3% dell’elettorato italiano?

0 Comments

  1. ABCATJIA1943

    Con buona pace del sindaco Renzi, che tra l’altro mi rimane molto simpatico benchè non faccia parte del mio schieramento politico, ma abbiamo proprio bisogno di uno che passati gli …….anta da mò si fa ancora chiamare leggiadramente Chicco? Ma la nostra fiorentinità dove è andata a finire? Ma i cavoili nostri, gli vogliamo lessare nella nostra bella pentolona?!?

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *