17 Novembre 2019

Cgil Toscana contro Pd e imprese del marmo. Ma nessuno lo scrive

image_pdfimage_print

La Cgil Toscana si schiera con Anna Marson, contro il Pd e in difesa del Piano paesaggistico regionale. Ecco il testo del comunicato rilanciato dall’agenzia Dire che nessun giornale ha ripreso.

“Se gli emendamenti proposti dal Pd in Commissione Ambiente saranno approvati dal Consiglio Regionale “ci troveremmo di fronte ad un altro Piano paesaggistico rispetto a quello predisposto dall’assessore all’ambiente Marson. Come Cgil Toscana riteniamo che il piano sia il punto piu avanzato di sintesi tra lavoro ed ambiente, e che gli emendamenti in questione ne stravolgano, ove accolti, il senso ed il valore”. Lo sottolinea Maurizio Brotini, segretario Cgil Toscana, che aggiunge: “Un Piano paesaggistico notevolmente diverso, anzi, addirittura ad una norma non cogente per le rispettive amministrazioni comunali e non condiviso con il ministero dei Beni Culturali, con tutte le possibili conseguenze del caso”. In cui, continua “impressiona l’emendamento che permetterebbe di non ritenere vincolanti le osservazioni tecnico-scientifiche da parte delle amministrazioni locali, in spregio al ruolo ed al valore delle competenze specialistiche ed al coinvolgimento dell’intellettualita”. Con le modifiche, inoltre, “si perderebbe altresi ogni ruolo di indirizzo e controllo dell’Ente Regione”. Per la Cgil, quindi, “siamo di fronte al fondato rischio che gli interessi corporativi di potentati economici locali rompano tale equilibrio”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *