Casa, Italia fuori dall'Europa

image_pdfimage_print

Gli assegnatari di case popolari sul territorio fiorentino sono circa 10.000, quindi questo problema riguarda direttamente circa 30.000 persone. Circa 7.000 sono invece gli sfratti in atto.
Il “Coordinamento delle Autogestioni e degli Assegnatari” si ritrova settimanalmente per approfondire e far conoscere il problema. Non si richiama a schieramenti politici e sindacali particolari ed è aperto a chiunque voglia informarsi e/o collaborare. Può esser contattato al numero 339/8987856, risponde il signor Valerio Veltri.
Sul tema sono già avvenuti alcuni incontri “ufficiali” e altri sono in programma: il primo il 13 novembre scorso organizzato dal SUNIA con cena gratuita per i partecipanti prenotati ed intervento inaugurale dell’assessore Albini. Nell’occasione, nonostante non fosse prevista la possibilità di libero intervento, sono state poste all’amministrazione pubblica alcune domande-chiave che non hanno per ora ricevuto una risposta.
Un secondo, il 17 novembre, è stato organizzato da Rifondazione Comunista che ha auspicato una collaborazione fattiva e ha cercato di fare da ponte anche con altre province non solo toscane. Nell’occasione sono stati forniti alcuni interessanti dati sul patrimonio abitativo pubblico in Italia ed Europa: ogni 100 famiglie in Italia ci sono 5 affitti sociali, nel Regno Unito 36, in Francia 18, in Germania 18, in Austria 23, in Svizzera 24. Media europea: 16%; media italiana 5%. La spesa in Europa per la politica sociale della casa è oltre 10 volte superiore alla italiana (Fonte: Walter De Cesaris, “Nota sulle linee generali per la riforma dell’edilizia residenziale pubblica”).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *