Carcere, approvata all'unanimità la mozione per i diritti dei detenuti

image_pdfimage_print

“Il Comune di Firenze ha compiuto un passo importante per affrontare il problema che vive il carcere di Sollicciano”. E’ il commento di Ornella De Zordo all’approvazione da parte del Consiglio Comunale della mozione presentata dalla capogruppo di perUnaltracittà. La mozione, frutto di un lavoro realizzato di concerto con molte realtà attive sul terriorio sui problemi del carcere, ha raccolto la collaborazione di tutti i componenti delle commissioni nell’iter di discussione ed emendamento della stessa: “La IV commissione presieduta da Maurizio Sguanci, come anche la VII commissione presieduta da Susanna Agostini – ha spiegato De Zordo – hanno approfondito la materia con audizioni e una seduta all’interno dello stesso carcere di Sollicciano. L’atto approvato – ha aggiunto De Zordo – impegna l’amministrazione ad agire secondo le proprie competenze per risolvere la situazione igienico-sanitaria ed intervenire a favore del reinserimento dei detenuti”.

In particolare la mozione chiede una puntuale azione di verifica delle condizioni igienico sanitarie della struttura, che sia completato il passaggio della sanità penitenziaria al servizio sanitario nazionale, che si intervenga con decisione sulle politiche di reinserimento dei detenuti (misure alternative, sistemazioni temporanee a fine pena, diritto alla casa), si favorisca l’inserimento lavorativo dei detenuti ammessi al lavoro esterno e il processo di reinserimento degli ex detenuti. L’atto sollecita anche il potenziamento dell’Ufficio del Garante dei Detenuti e, in generale, la predisposizione di contatti permanenti con gli enti presposti e le associazioni per meglio legare l’istituzione carcere alla realtà del territorio. Per far questo si chiede anche di potenziare in termini di personale e risorse finanziarie l’Ufficio carcere del Comune di Firenze.

[Fonte PerUnaltracittà]

0 Comments

  1. Lorenzo Porta

    Inziativa doverosa. come sappiamo il sito http://www.orizzonti.it ha documentato
    il grande balzo di suicidi in carcere nel 2009 ( 92 fino al 20 novembre) rispetto agli anni passati. C’è un profilo personale per ogni singolo caso.

    A questo proposito segnalo a Floriana e alla redazione che uscirà a giorni un robusto libro frutto del lavoro sul campo di questi ultimi sei anni dal titolo: legalità e partecipazione. Itinerari di formazione tra docenti, studenti e detenuti per la cittadinanza e la Costituzione. Ed Zella, scritto a tre mani da Lorenzo Porta, s. Fossati e A.m. Bracciante.
    Sarà un contributo al dibattito e alla lotta per la trasparenza, per i diritti contro la corporativizzazione sociale.

    saluti cari
    Lorenzo Porta

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *