13 novembre 2018

Cantieri Tav, De Zordo e Grassi: "I lavori sono già partiti e il Comune non avuto i progetti completi"

image_pdfimage_print
Cantieri Tav, De Zordo e Grassi: “I lavori sono già partiti e il Comune non avuto i progetti completi”
Già da alcuni mesi il Comune di Firenze ha richiesto a RFI l’intero progetto esecutivo del passante stazione AV ma ha avuto solo i documenti riguardanti l’aspetto ambientale analizzati dall’Osservatorio. Eppure abbiamo avuto conferma ufficiale che a Campo di Marte i lavori veri e propri per la realizzazione del pozzo della fresa sono già partiti.
Incredibile che un’opera di tale entità venga avviata senza che al Comune vengano forniti i progetti completi. E questo è stato confermato sia dalla dirigente RFI che questa mattina ha guidato il sopralluogo al cantiere nell’area ex Macelli delle Commissioni Ambiente  e Lavoro, sia dal funzionario comunale preposto all’Ufficio Nodo.
Il Comune di Firenze deve, anche per questo aspetto non certo msecondario, far valere il proprio ruolo presso RFI e Italferr e tutelare i cittadini non delegando i controlli agli stessi soggetti che realizzano l’opera. Perché ricordiamo che in questo mega progetto Italferr è al tempo stesso controllore e controllato.

Riceviamo e pubblichiamo

Già da alcuni mesi il Comune di Firenze ha richiesto a RFI l’intero progetto esecutivo del passante stazione AV ma ha avuto solo i documenti riguardanti l’aspetto ambientale analizzati dall’Osservatorio. Eppure abbiamo avuto conferma ufficiale che a Campo di Marte i lavori veri e propri per la realizzazione del pozzo della fresa sono già partiti.

Incredibile che un’opera di tale entità venga avviata senza che al Comune vengano forniti i progetti completi. E questo è stato confermato sia dalla dirigente RFI che questa mattina ha guidato il sopralluogo al cantiere nell’area ex Macelli delle Commissioni Ambiente  e Lavoro, sia dal funzionario comunale preposto all’Ufficio Nodo.

Il Comune di Firenze deve, anche per questo aspetto non certo secondario, far valere il proprio ruolo presso RFI e Italferr e tutelare i cittadini non delegando i controlli agli stessi soggetti che realizzano l’opera. Perché ricordiamo che in questo mega progetto Italferr è al tempo stesso controllore e controllato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *