13 novembre 2018

Bottegai etici e GAS benefici?

image_pdfimage_print

Nate da piccole vendite parrocchiali di prodotti coloniali o artigianali a sostegno delle missioni nel sud del mondo, le Botteghe di oggi, cresciute e organizzate, laicizzate e professionalizzate, sono luoghi importantissimi per almeno due ragioni. In primo luogo perché sono la prova tangibile che fare produzione e commercio nel rispetto dei lavoratori e dell’ambiente è possibile, ed è anche redditizio (benché la scelta delle botteghe sia no profit). Di fronte al pregiudizio di chi sostiene che l’unico prezzo possibile per merci e materie prime è quello (in genere penalizzante per i produttori) fissato dai mercati internazionali, le botteghe sono lì a dimostrare il contrario: l’idea di un prezzo giusto è praticabile, sostenibile e concreta, e chiunque può verificarla. Nel commercio equo e solidale il prezzo viene stabilito assieme ai produttori e garantisce una retribuzione dignitosa e la possibilità di fare ‘investimenti sociali’ per le comunità di appartenenza.
La seconda ragione è che nelle botteghe, oltre all’attività commerciale, si svolge un’opera incessante di sensibilizzazione e informazione. In una bottega si può entrare per caso, magari per acquistare un vasetto di miele o un regalo, ma non se ne uscirà senza un “sacchetto di stimoli”, senza avere ricevuto informazioni sulle campagne a favore dei diritti e dell’ambiente. Questo duplice ruolo rende le botteghe un impagabile capitale a disposizione della città.
A Firenze “Il Villaggio dei Popoli” è la bottega-pioniera. Si trova in Via dei Pilastri 45/r, e fa parte di Ctm Altromercato, un consorzio di oltre 130 botteghe del mondo. Oltre agli alimentari e all’artigianato vende libri, offre servizi di finanza etica e ha recentemente aperto uno sportello di turismo responsabile. Ha un efficiente magazzino a disposizione dei GAS, a Novoli, dal quale si può ordinare anche via Internet. Organizza eventi e corsi di formazione, cura rapporti con le scuole ed è la bottega più presente sul territorio a livello politico: nella rete di Lilliput, all’interno di forum e gruppi di lavoro “movimentisti”.
La Bottega dei Beni Solidali in Via Ghibellina n. 115/R fa parte di una centrale d’importazione, Equoland, che lavora sia nell’artigianato che nell’alimentare. Nell’alimentare è nota per le cioccolate e per la linea a marchio Equoland ‘Dolce & solidale’. Equoland tiene nel suo magazzino in Via F.lli Cervi n. 75 a Campi Bisenzio – a disposizione delle botteghe – anche alimentari di Libero Mondo, Commercio Alternativo, Equo Mercato (altre centrali d’importazione).
Borgo Alegre in borgo San Frediano 117 r. (quartiere S. Frediano Oltrarno) è l’ultima bottega nata a Firenze, secondogenita dell’associazione Terra Madre, un’organizzazione che cura progetti d’importazione diretta dal sud del mondo (Benin per batik e Bolivia per maglioni, sciarpe, borse). È socia della Cooperativa MAG6 di Reggio Emilia e ha svolto un’ intensa attività sociale e politica: a favore dei paesi balcanici colpiti dalla guerra, contro la diffusione degli Organismi Geneticamente modificati, a favore della tutela delle culture indigene.
Dal giugno 1998 Terra Madre ha dato vita ad un gruppo di acquisto collettivo (GAC) tramite il quale 50 famiglie hanno potuto, aiutandosi tra loro, selezionare produttori che rispettano principi etici ed ambientali, usufruendo così di prodotti biologici, locali, e del commercio equo, a prezzi vantaggiosi.
Il GAC di Terra Madre ha avuto il grande merito di “contaminare” il territorio, e per gemmazione da esso è nato un altro importante Gruppo d’Acquisto Solidale della cintura fiorentina: Eticamente, dall’omonima associazione di Scandicci.
Anche alle Piagge presso il Centro Sociale Il Pozzo in Via Lombardia 1/p esiste una realtà d’acquisto alternativo, il GASP (Gruppo d’Acquisto delle Piagge) dove si possono comprare prodotti del Commercio Equo e biologici.
Le esperienze si sono moltiplicate e dopo il Social Forum del novembre 2002 la sperimentazione dei GAS è pienamente fiorita in città. In pochi mesi sono nati un GAS a Firenze Nord, Le Locuste, con sede presso il Circolo Arci di Via Vittorio Emanuele; un GAS a Firenze Sud, presso il circolo ARCI di San Niccolò, e Il Gassolotto, l’ultimo nato, nel Quartiere 4. A promuoverli sono gruppi e associazioni che si occupano di consumo critico; al loro interno ci sono, immancabilmente, frequentatori o volontari delle Botteghe.
Tra Gruppi d’acquisto e Botteghe ci sono varie possibilità di scambio e collaborazione. Le Botteghe soddisfano spesso la strenua ricerca dei “gassisti” di un luogo pratico e attrezzato dove potersi incontrare e spartire gli acquisti. D’altro canto i GAS possono coprire il vuoto del “fresco” che le Botteghe solitamente non vendono, ma che consorziandosi con i GAS potrebbero invece cominciare a proporre. Per il consumatore ci sarebbe il vantaggio di acquistare “il fresco” a prezzi competitivi rispetto alle catene del biologico, e di conoscere l’attività dei GAS.
La tendenza di molti GAS, che hanno agito per anni in semi-clandestinità, è quella di darsi un’organizzazione più accessibile. Il GAS di Alessandria ha acquistato un furgoncino per le consegne a domicilio, ad Arese (Milano) è stato aperto dai GAS locali un vero e proprio negozio aperto al pubblico, con l’offerta di prodotti altamente selezionati. L’incrocio fra GAS e Bottega può rappresentare una grande innovazione, un portone spalancato non solo ad acquisti virtuosi, ma anche alle nuove idee del movimento, alla consapevolezza del forte legame tra scelte quotidiane e qualità ambientale e sociale.
Gas e botteghe, chi e dove
Villaggio dei Popoli
via dei Pilastri 45r – Firenze
vdpopoli@tin.it
http://space.tin.it/associazioni/spiccar
Borgo Alegre
Borgo S.Frediano 117r – Firenze
Beni Solidali
Via Ghibellina 115r – Firenze
Gas Fi-nord
Ritrovo abituale: circolo Arci “Il Progresso” via Vittorio Emanuele – Firenze
terzolle@tin.it; gloglotto@inventati.org
Gas Fi-sud
Ritrovo abituale: URLO circolo Arci via S. Niccolò mo.raineri@tiscalinet.it; annik@interfree.it
Gassolotto
Ritrovo abituale: circolo Arci via Maccari
info@consumattori.org

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *