Basta stragi: presidio sabato 17 ottobre

image_pdfimage_print

Nel dicembre 2011 Firenze fu sconvolta dalla strage razzista che colpì 5 ragazzi senegalesi. Sabato prossimo in piazza Dalmazia si svolgerà un presidio, per ricordare le vittime ma anche per andare avanti nella costruzione di una cultura dell’accoglienza e del rispetto della diversità. Promosso dal coordinamento Basta morti nel Mediterraneo, il presidio chiederà anche interventi decisi in grado di arginare l’altra terribile ma più silenziosa strage, tuttora in corso nei nostri mari.

—————

Comunicato stampa Basta morti nel Mediterraneo

> PIAZZA DALMAZIA, 17 OTTOBRE 2015 ORE 16-18

Onoriamo il luogo della strage razzista del 13 Dicembre 2011

Durante il presidio ripuliremo il luogo della strage del 13 Dicembre dove furono assassinati Diop Mor e Samb Modou e feriti gravemente Moustapha Dieng, Cheikh Mbengue e Mor Sougou.
Pianteremo nuove piante, leggeremo il racconto della strage e la storia dei sopravvissuti.
Ci saranno poi altri interventi, manifesti informativi, e la musica dei Fratelli Rossi.

13 Dicembre 2011: cosa accadde, cosa è successo ai sopravvissuti

Si chiamavano Samb Modou e Diop Mor le due persone a cui Gianluca Casseri sparò uccidendole, in piazza Dalmazia.
Si chiamano Moustapha Dieng, Sougou Mor e Mbenghe Cheike le tre persone che furono ferite quello stesso giorno, Dieng nella stessa piazza, gli altri al Mercato Centrale di San Lorenzo.

La copertura mediatica di questo terribile evento fu enorme nelle ore e nei giorni immediatamente successivi, poi come sempre accade i riflettori si spensero per riaccendersi solo sporadicamente nel giorno dell’anniversario o di qualche passaggio importante per la vita dei sopravvissuti e delle famiglie coinvolte.

Ma appena i riflettori si spengono resta la realtà di vite spezzate: una vedova che a tutt’oggi dorme presso la Caritas, un uomo in sedia a rotelle che non ha prospettive per il suo futuro e due uomini che erano venditori ambulanti senza licenza e lo sono a tutt’oggi, solo come cittadini italiani.

Tutti loro avevano affetti, amicizie, lavori, difficoltà, famiglie. Vite, insomma. Vite che erano cominciate in Senegal e che furono spezzate o stravolte qui all’improvviso in una normale giornata come tante.

Ecco il senso del presidio di sabato, tutti insieme a ricordare e a prendersi cura dell’angolo dove una lapide ricorda le due persone uccise e le tre ferite: piantare nuove piante e sistemare questa piccola area è il simbolo della nostra volontà di mantenere la memoria di quel gesto di morte contrapponendogli un gesto di vita.

Il Coordinamento Basta Morti nel Mediterraneo – Comunità delle Piagge – Comitato 1° Marzo – Rete Antirazzista – Fuori Binario.
Aderiscono: Azzerocappaemme – Circolo Ricreativo ARCI “LIPPI”- CAT Coop Sociale – perunaltracittà.

Per informazioni e adesioni:
Comunità delle Piagge: 055-373737 – 320-0138762 | comunitadellepiagge@gmail.com
https://www.facebook.com/events/192133497784866/

 

Il Coordinamento BASTA MORTI NEL MEDITERRANEO si riunisce dallo scorso Maggio presso il Centro Sociale Il Pozzo in Via Lombardia 1/p per costruire azioni continuative e incisive e chiedere CORRIDOI UMANITARI SUBITO in questo momento tragico, in cui i migranti continuano a morire su tutte le frontiere. Ecco i punti attorno a cui ruota il nostro impegno, che coinvolge tutti coloro i quali, singoli e associazioni, vogliano dare il proprio contributo:
Per la circolazione dei migranti in gran parte richiedenti asilo, rifugiati profughi, in Europa
Per l’abolizione di Dublino III
Per la creazione di strutture stabili di soccorso e salvataggio in mare
Per l’apertura immediata di canali umanitari permanenti
Per un civile e dignitoso sistema di asilo e di accoglienza
Per il permesso di soggiorno umanitario per tutti
Per una società di tutte e tutti, contro ogni razzismo, discriminazione e intolleranza
Per la lotta alla corruzione nei servizi di assistenza ai migranti

Abbiamo inoltre istituito un presidio permanente che avrà luogo ogni due settimane, in luoghi diversi della città.
Le prossime date, delle quali comunicheremo i dettagli, sono:
29 Ottobre – 12 Novembre – 26 Novembre – 13 Dicembre

Per partecipare e tenerti al corrente delle iniziative, Gruppo Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *