"Basta abusi in divisa", in piazza dopo la denuncia del pestaggio del 13 giugno

image_pdfimage_print

tra cui molti immigrati, ha attraversato le strade del centro di Firenze arrivando sotto le finestre del consiglio comunale. Il corteo è stato convocato da Firenze Antifascista dopo che lo scorso 13 giugno il Reparto Antidegrado della Polizia Municipale ha aggredito un gruppo di ragazzi senegalesi a Santa Maria Novella (su questo fatto è stata aperta un’inchiesta dalla Procura di Firenze, ndr).

“Basta abusi in divisa”. Questo lo striscione che apriva il corteo. Durante la manifestazione sono stati molti gli slogan lanciati in solidarietà con tutti coloro che subiscono le violenze poliziesche: dai lavoratori ambulanti di Firenze a chi ha perso la vita nelle celle di sicurezza delle questure e delle caserme, in carcere o per strada come Uva, Cucchi, Aldrovandi e Lonzi… solo per citarne alcuni.

La manifestazione aveva l’obiettivo di non far calare il silenzio sulla vicenda e di indicare ancora una volta i responsabili di quanto accaduto: la Giunta, il sindaco Renzi, il nuovo capo della Polizia Municipale oltre che il Reparto Antidegrado e vale a dire quella catena di comando che ordina, protegge e finanzia operazioni come quella del 13 giugno.

E’ stato ribadito ancora una volta che se veramente il Comune avesse l’interesse a far emergere la verità avrebbe tutti gli elementi a disposizione per farlo: i video delle telecamere che spiano la zona di Santa Maria Novella, l’ordine di servizio e i verbali dell’operazione la cui esistenza è stata confermata dal Comune stesso e non ultimo il coinvolgimento nella vicenda della GEST, l’azienda che gestisce la tramvia. Sappiamo invece che ciò non avverrà.

Anche per questo è stato importante essere in piazza oggi così numerosi e determinati ma ciò non può bastare perché il muro di silenzio che circonda gli abusi in divisa e in particolare le operazioni del Reparto Antidegrado è ancora ben lontano dal cadere. Crediamo però che questa sia la strada giusta per dare il coraggio di parlare a chi in passato ha subito violenze simili affinché tutta la verità venga alla luce, perché in futuro non accadano più avvenimenti di questo tipo e il “reparto speciale” agli ordini del sindaco Renzi venga finalmente sciolto”.

0 Comments

  1. Pippo

    strano, nell’ articolo non si parla dell’ assalto al distaccamento dei vigili di via delle terme con uova piene di vernice e con polizia e carabinieri in tenuta antisommossa per evitare il peggio, con i vigili barricati all’ interno che hanno dovuto aspettare che i ” pacifisti antifascisti ” se ne andassero per poter tornare a casa dalle loro famiglie che li aspettavano !

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *