Banca Etica apre in città

image_pdfimage_print

Atteso come non mai e più volte rimandato, finalmente sbarca anche a Firenze lo sportello di Banca Etica. Sarà attivo a partire dai primi giorni di ottobre per proporre a singoli, associazioni, enti o appartenenti al mondo del non-profit, servizi bancari mirati, ma anche e soprattutto etici. A questoproposito abbiamo fatto quattro chiacchiere con Ugo Biggeri, referente fiorentino dell’istituto bancario.
Allora, finalmente ci siamo.
Sì, lo sportello ha avuto un po’ una storia travagliata, ma risolti gli ultimi problemi e superate le vacanze estive, finalmente i lavori sono iniziati e anche la persona assunta è pronta a prendere servizio. Il “nostro uomo” si chiama Riccardo Dugini, e da 14 anni lavora nel settore bancario.
Quali servizi saranno offerti?
I servizi saranno tutti quelli offerti da Banca Etica in generale. Ci saranno i conti correnti, sia quelli deposito che il conto corrente vero e proprio per associazioni o persone fisiche, che comprende il bancomat, la carta di credito e la normale operatività che viene richiesta ad una banca. Oltre a questi strumenti, a condizioni competitive rispetto al resto del mondo bancario, vi sono poi altri strumenti di risparmio come i certificati di deposito o le obbligazioni che però vengono emessi solo in certi periodi dell’anno.
E la filosofia di Banca Etica? Che cosadistingue le vostre attività, con particolare riferimento al microcredito?

Il pensiero forte è puntare sull’uso responsabile del denaro. Per ottenere questo vi sono due strade. La prima, che sembra una cosa più tecnica ma che invece è fondamentale se vogliamo “contagiare” il sistema, è la trasparenza. In poche parole Banca Etica dice dove mette i soldi e chiunque può controllare. E questo non lo fa nessun’altra banca in Italia. La seconda strada è usare il denaro in modo utile. Banca Etica lo fa prevalentemente con il mondo del non-profit e quindi associazioni, circoli ed enti senza fini di lucro in generale. In Toscana molti finanziamenti li ha ricevuti l’Arci ad esempio, perché è una realtà molto presente nel territorio e soprattutto nell’area fiorentina ha avuto problematiche finanziarie che Banca Etica gli ha saputo risolvere. Questo non accordando particolari condizioni di favore, ma più semplicemente riconoscendo che, pur non avendo una struttura forte dal punto di vista giuridico, dal punto di vista associativo e morale il legame con il territorio è profondo. Un aspetto che le altre banche non hanno mai riconosciuto come condizione sufficiente a dare un finanziamento. Banca Etica infatti vuole riconoscere certe specificità e garanzie che il mondo bancario in generale non riconosce. La valutazione viene fatta sulla validità sociale dei progetti. Magari anche progetti più di frontiera.
L’apertura di questo sportello sta suscitando molta attenzione nel panorama non profit ed associativo fiorentino. Sembra che ci sarà una vera e propria corsa ad aprire un conto presso ilvostro sportello.
In effetti sono arrivate moltissime richieste, per questo abbiamo deciso di rimandare di qualche giorno l’inaugurazione ufficiale dello sportello. Ci siamo resi conto che anche senza “cerimonie” ci saranno già tante persone che verranno a cercarci. Per cui contiamo di far passare la prima ondata di “aficionados” che aspettano ansiosi la nostra apertura, per poi fare a fine ottobre la dovuta inaugurazione e far conoscere anche agli altri la nostra presenza.
Come è stata scelta la sede della succursale?
Lo sportello aprirà in una splendida struttura, in via Borgognissanti al numero 42, in uno spazio messo a disposizione dalla Diocesi, all’ingresso del Chiostro del Ghirlandaio. L’ambiente è piccolino e con un unico dipendente cui spetterà il compito di fare tutto. Dalle gestioni più banali agli incontri importanti, alle relazioni, ai lavori di progetto ecc… Per questo pensiamo che lo sportello non sarà aperto al pubblico tutti i giorni, ma solo tre volte la settimana in modo da permettere a chi lavora di svolgere tutte le funzioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *