#Ataf, continua lo #sciopero. A #Firenze si lotta contro il #liberismo di Comune S.p.A.

image_pdfimage_print

andiamo avanti nello sciopero con le stesse modalità. A questo punto la responsabilità è tutta sulle spalle di Ataf. Noi abbiamo presentato una bozza di accordo, ma è stata rifiutata. Non solo non hanno accettato di ritirare la disdetta dell’integrativo, ma nemmeno di rimandare la decisione dal 31 dicembre al 28 febbraio come avevamo, in seconda istanza, chiesto”. Lo ha detto Aleesandro Nannini, leader degli autisti Ataf che anche oggi terranno dentro i depositi tutti gli autobus fiorentini. Prosegue così, per il secondo giorno consecutivo, lo sciopero deciso contro le politiche di gestione neoliberiste della società privatizzata per volere di Renzi.

E’ bene sapere che il coraggio degli oltre 700 autisti va oltre la perdita di 80 euro per ogni giorno di sciopero. Il prefetto Varratta li ha infatti precettati per oggi, nonostante abbiano ragioni da vendere. Ma loro continuano la loro lotta. E non sarebbe male che la città si svegliasse dal torpore in cui vive e li appoggiasse recandosi alla loro assemblea permanente presso il deposito di viale dei Mille. E dire che l’assessore alla mobilità Bonaccorsi li definisce vigliacchi.

NOTA BENE – Leggi qui le motivazioni dello sciopero e non lamentarti se ci sarà qualche disagio per gli spostamenti. Quando la politica delle larghe intese e le società per azioni verranno ad erodere anche i tuoi diritti potrai avere solidarietà e partecipazione attiva da parte di chi oggi potrà vincere, anche grazie a te, questa battaglia.

 

 

 

0 Comments

  1. Mbuto

    Ho ricevuto adesso un messaggio sul telefonino da parte di ATAF che dichiara illegittimo sciopero. Pensavo che comprare il biglietto per via telematica servisse solo a questo scopo e non a dare il diritto ad ATAF di servirsi del mio numero per portare avanti politiche contro i dipendenti. Spero in un intervento della magistratura.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *