17 novembre 2018

Appalti, la Procura di Firenze arresta il vice Bertolaso, oggi presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici

image_pdfimage_print

di Carlo Bonini e Maria Elena Vincenzi

ROMA – Angelo Balducci, ex vice del capo della Protezione civile è stato arrestato ed è stato perquisita l’abitazione e l’ufficio di Guido Bertolaso, sottosegretario e capo della Protezione civile. Tutto è avvenuto nell’ambito di un’indagine dei carabinieri del Ros – coordinata dalla Procura di Firenze – sugli appalti per la realizzazione delle opere in occasione del G8 alla Maddalena nel 2008. Con lui ci sono altre venti persone indagate. L’operazione è ancora in corso ed ha avuto inizio nelle prime ore di stamattina, con perquisizioni negli uffici della Protezione Civile di Roma. Al momento, secondo le prime indiscrezioni, le ordinanze di custodia cautelare, oltre quella che ha riguardato Balducci, sarebbero tre. Balducci, già vice di Bertolaso è oggi presidente del Consiglio superiore dei Lavori pubblici.

Angelo Balducci è stato nominato “soggetto attuatore” delle opere per il G8 alla Maddalena con ordinanza della Protezione civile del 2008; successivamente è stato sostituito nell’incarico. Non è mai stato un dirigente della Protezione civile. In passato aveva avuto incarichi per gli interventi legati al 150° anniversario dell’Unità d’Italia e per la ricostruzione del teatro Petruzzelli di Bari. E’ stato, inoltre, provveditore alle opere pubbliche di Lazio e Sardegna.

Il dossier sul caso-Maddalena era già finito sulle scrivanie della Procura della Corte dei conti, anche in seguito dell’inchiesta di Repubblica sul flop del G8 fantasma, in seguito trasferito all’Aquila. Al centro degli accertamenti della magistratura contabile c’erano gli sprechi e lo stato di abbandono delle strutture, che avrebbero dovuto ospitare i capi di stato e di governo di mezzo mondo. Lavori che, dopo otto mesi dalla fine dei lavori, non hanno prodotto neanche un posto di lavoro, né rilanciato l’economia dell’isola. La Corte dei conti stava già indagando sulle spese sostenute: 327 milioni (i dati sono della Protezione civile) utilizzati dal governo  attraverso la struttura di missione del G8. Gli interventi hanno riguardato l’ex Arsenale e l’ex ospedale militare. Ma le strutture oggi versano in condizioni di incuria, degrado e abbandono, tra soffitti crollati, tetti scoperchiati, porte danneggiate, infiltrazioni d’ acqua.

Un sopralluogo effettuato la settimana scorsa da Guido Bertolaso alla Maddalena era servito invece a stabilire che – secondo il sottosegretario – tutte le strutture “godevano di ottima salute” e che, tutt’al più sarebbero necessari piccoli lavori di manutenzione.

[Fonte Repubblica]

0 Comments

  1. roberto

    Sono veramente “ganzi” alla Procura di Firenze. Che Dio li benedica e li protegga.
    Spero soltanto che possano proseguire, anche se i corruttori ed i corrotti cercheranno di fare di tutto per impedirglielo.
    E si vede ora come è importante salvaguardare l’istituto dell’intercettazione telefonica dagli attacchi del potere politico ed economico.
    Parlamentari come Niccolò Ghedini mirano a distruggere quello strumento importantissimo che è rimasto uno dei pochi capaci di farci scoprire, oltre al nostro naso, il sudiciume che c’è dietro alla decretazione d’urgenza, che è la negazione assoluta del concetto fondamentale contenuto nel motto “La Legge è uguale per tutti”.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *