Alla scoperta della "Pacem in Terris": venerdi e sabato alle Piagge e a Ricorboli

image_pdfimage_print
Scarica la locandina

Sarà il teologo Armido Rizzi ad animare la due giorni fiorentina dedicata dalla Comunità delle Piagge e dalla Parrocchia di Ricorboli al cinquantesimo anniversario della “Pacem in Terris”, l’enciclica di Papa Giovanni XXIII proclamata in occasione della Pasqua del 1963.

Per interrogarsi sulle vie da percorrere oggi, anche nella politica e nel diritto, per passare dalle armi alla nonviolenza, dal dominio alla libertà e instaurare la pace in ogni nazione e tra tutti i popoli della terra è stato organizzato un primo incontro di dialogo e confronto con Armando Rizzi dal titolo “Pacem in Terris: Guerra aliena a ratione. La follia della guerra”. L’appuntamento è per le ore 18.00 di domani, venerdi 31 maggio, presso la Comunità delle Piagge in via Lombardia 1p (bus 35).

La “Pacem in Terris” interpretò e dettò lo spirito del Concilio Vaticano II e ne anticipò le acquisizioni, ponendosi ancora oggi come canone interpretativo privilegiato per la sua comprensione ed attuazione. Per celebrare una riflessione comune sull’enciclica e per riscoprire il primato della dignità come appartenente per natura ad ogni uomo, donna, popolo e nazione il secondo appuntamento con il teologo Armido Rizzi, dal titolo “La Pacem in Terris 50 anni dopo”, è organizzato per sabato 1 giugno alle ore 18.30 presso la Parrocchia di Ricorboli in via Marsuppini 7 a Firenze.

***

Armido Rizzi nato a Belgioioso (PV) il 14.4.1933, ha conseguito la laurea in teologia presso l’Università Gregoriana e la laurea in Filosofia presso l’Università di Genova. Ha insegnato Filosofia della religione all’Aloisianum (Gallarate) e Antropologia teologica alla Facoltà Teologica S. Luigi (Napoli). Ha insegnato presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale (Firenze). La sua riflessione teologica si svolge fra l’interpretazione delle sacre scritture e la fenomenologia dell’esperienza etica. È membro della redazione della rivista “Servitium”, della “Rivista di Teologia Morale”, e della direzione di “Filosofia e Teologia”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *