15 dicembre 2018

Affidamento, semilibertà, domiciliare: cosa sono le misure alternative

image_pdfimage_print

La legge 354/75 ha introdotto delle modalità di esecuzione della condanna alternative rispetto al carcere. La decisione in merito spetta al Tribunale di Sorveglianza, organo creato apposta, ed è legata alla presenza di “progressi nel processo di risocializzazione”. La riforma ha inoltre previsto l’ingresso in carcere di educatori, psicologi, assistenti sociali e del volontariato per facilitare l’applicazione di tali agevolazioni. Le modifiche introdotte successivamente con le riforme “Gozzini” e “Simeone”, hanno ampliato il carattere premiale di questi benefici e allargato il ventaglio delle misure a disposizione per le pene inferiori ai 3 anni. Nella fase di applicazione delle misure alternative, il condannato viene preso in carico dal Centro di servizio sociale per adulti che opera in stretto contatto con i servizi del territorio. Nello spirito della legge, l’assistente sociale realizza con l’affidato un rapporto costruttivo e partecipato, in cui il controllo e sostegno sono parte di un’azione unitaria finalizzata a un graduale reinserimento nel contesto sociale.
Affidamento in prova al servizio sociale
È considerata la misura alternativa per eccellenza, in quanto si svolge totalmente fuori dal carcere, mirando ad evitare al massimo i danni derivanti dal contatto con l’ambiente penitenziario e dalla condizione di privazione della libertà.
Semilibertà
Consiste nella concessione di trascorrere parte del giorno fuori dall’Istituto di pena per partecipare ad attività lavorative, istruttive o comunque utili al reinserimento sociale.
Detenzione domiciliare
Viene concessa per consentire la prosecuzione, per quanto possibile, delle attività di cura, assistenza familiare, istruzione professionale, già in corso nella fase della custodia cautelare nella propria abitazione (arresti domiciliari) anche successivamente al passaggio in giudicato della sentenza, evitando così la carcerazione e le relative conseguenze negative.
Fonte: http://www.giustizia.it/pcarcere/misure_alternative/mis_altri_e_altro.htm

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *