A Capannori, dove la sinistra sa stare insieme per rinnovare la politica

image_pdfimage_print

Una delle esperienze capaci di coniugare sinistra e ambiente tra le più virtuose in Italia, quella che ha portato alla nascita di Sinistra per Capannori. Il capolista, Alessio Ciacci, è attualmente assessore all’ambiente, ruolo in cui ha portato la raccolta differenziata al 65%, evitando l’utilizzo dei pericolosi e cancerogeni inceneritori. Ecco la cronaca della presentazione della lista nella cittadina alle porte di Lucca.

di Sara Berchiolli

CAPANNORI (Lucca) – Sinistra per Capannori presenta i suoi candidati per le elezioni amministrative del 6 e 7 giugno. Molti sono i candidati, esponenti delle diverse realtà del territorio: dagli studenti ai precari, dai lavoratori ai neo-laureati, passando anche per quattro immigrati residenti. Ecco la lista completa.

Il capolista Alessio Ciacci, nella veste di assessore all'ambiente mentre inaugura una postazione di detersivi alla spina
Il capolista Alessio Ciacci, nella veste di assessore all'ambiente mentre inaugura una postazione di detersivi alla spina

«Ben quattro candidati della lista sono immigrati residenti sul territorio, e con diritto di voto. A queste elezioni vogliamo rappresentare un progetto politico diverso, che propone un modello di socialità aperta come strategia per il benessere collettivo. Inoltre, con la nostra presenza diamo voce anche a quei lavoratori precari che non hanno quella sicurezza dei diritti che garantisce loro la libera espressione».

E’ innovativa la linea con cui Sinistra per Capannori, lista composta da Rifondazione Comunista, Pdci, Sinistra Democratica e Impegno per Capannori e che alle elezioni sostiene la candidatura di Giorgio Del Ghingaro, si presenta ai capannoresi.

«Il nostro gruppo – raccontano – sostiene la proposta di un consigliere aggiunto per i cittadini stranieri, e una politica attiva nelle scuole con gli immigrati di seconda generazione. Il nostro simbolo racchiude esperienze diverse di politica: da quella di governo, rappresentata da Alessio Ciacci, capolista e assessore comunale all’ambiente, e dai tre consiglieri, Dino Pera, Moreno Da Collina, Fabio Biagini a quella di movimento, presente con Impegno per Capannori. Una particolarità di Sinistra per Capannori, inoltre, è la sua decisione di dotarsi di uno statuto, come forma di garanzia perché le assemblee determinino le proprie deliberazioni soprattutto secondo le modalità di lavoro e di sintesi dei gruppi»

.

La lista è uno spaccato di diverse realtà lavorative, come il precariato, la scuola, la ricerca, il mondo dei professionisti e degli impiegati.

Nell’ordine, dopo il capolista Ciacci, i candidati sono: Ylenia Da Valle, 30 anni, di Lammari, biologa precaria; Tiziana Borsi, 32 anni di Capannori, impiegata; Alberto Pellicci, di 24 anni di Porcari, studente e cameriere; Dino Pera, 63 anni di Gragnano, pensionato e consigliere comunale; Alessio Cecchini, 32 anni di Lammari, precario attività con i migranti; Massimiliano Antonioni, 33 anni di Capannori, disegnatore; Fabio Biagini, 39 anni di Sant’Andrea in Caprile, vigile del fuoco e consigliere comunale; Grazia Carnicelli, 27 anni di Lunata, impiegata precaria; Eralda Cerepi, 35 anni di Pieve San Paolo, mediatore linguistico e culturale; Moreno Da Collina, 49 anni di Sant’Andrea di Compito, ferroviere e consigliere comunale; Simonetta Del Bianco, 59 anni di Lucca, pensionata; Andrea Del Testa, 31 anni di Marlia, consulente esperto per l’immigrazione; Driss Fadel, 35 anni di Lammari, operaio; Mario Garrido, 36 anni di Lucca, operaio; Andrea Giorgi, 21 anni di Lunata, studente; Guarascio Alessandro, 32 anni di Lunata, ingegnere informatico; Matteo Guidi, 29 anni di Lucca, studente; Alessia Lenci, 33 anni di Capannori, precaria – Scuola Sant’Anna di Pisa; Stefano Marazzi, 42 anni di Lammari, operatore ecologico e consigliere di circoscrizione; Giuliano Mauro Marcucci , 51 anni di Camigliano, insegnante e consigliere di circoscrizione; Giulia Marsalli, 22 anni di Camigliano, studentessa; Alessandro Martini , 33 anni di Lunata, insegnante precario; Mariano Martinucci, 33 anni di Colle di Compito, disoccupato; Federico Pucci, 22 anni di Capannori, studente; Loretta Santori, 56 anni di Segromigno in Piano, insegnante; Leonardo Mario Stefani, 21 anni di Carraia, studente; Stefano Tonelli, 45 anni di Lappato, bio-architetto; Giovanni Vitali, 27 anni di Pieve San Paolo, neolaureato; Ingrid Wunnink, 48 anni di Paganico, ricercatrice di mercato.

[Fonte Lo Schermo Lucca]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *