10 anni dopo Seattle, il WTO ci riprova. Sabato 28 eventi e mail bombing per fermarli

image_pdfimage_print

A dieci anni esatti dal fallimento della ministeriale di Seattle che ha portato centinaia di migliaia di lavoratori, contadini, cittadini e associazioni di tutto il mondo a denunciare la fine del sistema neoliberista e ad individuare nell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) uno dei motori della crisi globale che si stava innescando, la Wto ci riprova.
A Ginevra, dal 30 novembre al 2 dicembre, organizza un Vertice Ministeriale che, dopo il fallimento del Vertice Fao sulla sicurezza alimentare e l’annunciato flop di quello di Copenhagen sul clima, ha l’obiettivo di rilanciare il Doha Round ed il suo programma di liberalizzazioni spinte in diversi settori economici, tra cui l’agricoltura, con lo scopo di rispondere alla crisi riproponendo le stesse ricette fallimentari che l’hanno causata come unica e possibile cura.
Per questo centinaia di organizzazioni di base, contadine, movimenti sociali si mobiliteranno il prossimo 28 novembre, perché oggi come dieci anni fa è necessario farsi sentire e dire no a questo ennesimo tentativo di fare buoni affari con i nostri diritti.

Fair, nell’ambito del coordinamento Help local trade (www.helplocaltrade.org), in collaborazione con Arci e Legambiente  propongono:
* Da Ginevra: blog e aggiornamenti online www.faircoop.net/faircoop  Info da Ginevra Monica Di Sisto (Fair) 335 8426752 Alberto Zoratti (Fair)3358426752
*In Italia presidi, volantinaggi, banchetti, e il “Lovely Planet Tour”, viaggio nell’Italia che resiste e costruisce la buona economia:
–          A Genova “Non svendete il nostro futuro… In bici”: appuntamento alle 15.30 in bici (e poi a merenda) in Piazza Matteotti per dimostrare che la città può avere un’altra mobilità, un altro sviluppo, un altro modo di concepire il territorio e l’economia Info: Deborah Lucchetti (Fair) 3381498490
–          A Roma “Gas in città, per un altro modello di sviluppo”: Appuntamento alla Città dell’Utopia (via via Valeriano 3F, San Paolo) alle 14.00 per passare dall’EURoma2, centro commerciale più grande d’Europa, la cui costruzione ha contribuito alla cementificazione dell’Agro Pontino, passando per presidi territoriali con gli orti urbani, con una tappa finale al mercato contadino della Tiburtina Info Daniel Brusco (SCI) 3471633740
–          A Lucca “Sulla via della buona acqua”: Appuntamento alle ore 10.00 in piazza Aldo Moro (Capannori) per un tour insolito fra le alternative che esistono e resistono e vi offre un sorso di buona acqua delle nostri fonti per ribadire che l’acqua è un diritto e non deve essere privatizzata. Info: Roberto Sensi (Mais) 3280687154
–          A Napoli “Dallo Spazza-Tour al Lovely Planet Tour”: un autobus gratuito partirà dal Museo Nazionale alle ore 9.30 per visitare tutte le realtà di Altra economia e Altra agricoltura coinvolgono in Campania persone, consumatori, produttori, distributori che scelgono la solidarietà alla competizione, la giustizia all’illegalità, il benessere di tutti alla ricchezza di pochi e alla miseria di molti. Info: Rosi Iaione (Mani tese) 3404008760

*Mail bombing, inviabile dal sito www.faircoop.net/faircoop e diretto al ministro degli Esteri Franco Frattini, al al viceministro al Commercio estero Adolfo Urso e al ministro dell’Agricoltura Luca Zaia perchè si impegnino nel bloccare i negoziati di liberalizzazione. Gli indirizzi: Franco Frattini (segreteria.frattini@esteri.it, fax 0636912006) , Adolfo Urso (segreteria@mincomes.it, fax 0659647504) e Luca Zaia (ministro.capo.segreteria@politicheagricole.gov.it, fax 067446178) Non svendete il nostro futuro. Diamo un taglio a Wto e Emissioni.

0 Comments

  1. baco

    un tempo giocavano con le molotov poi con le bombe carta ….oggi con il mail bombing. Il potere sta già tremando di paura!
    iniziative comunque lodevoli

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *